HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-07-19 12:16:26
A+ A- Stampa articolo



Caso Shalabayeva. No del Senato alla sfiducia per Alfano. Il commento di Mazzotta



Il Senato ha detto no alla mozione di sfiducia al ministro dell'Interno, Angelino Alfano, promossa da M5S e Sel sul caso Shalabayeva. Ieri mattina, nel suo intervento in aula, il premier Enrico Letta aveva chiesto al parlamento ''piena fiducia'' nella sua ''determinazione e resistenza''. Alessandro Guarasci:RealAudioMP3

Il Senato boccia la sfiducia al Alfano: 226 no, 55 si, 13 astenuti. ''L'espulsione della moglie di Ablyazov e della sua figlioletta è per l’Italia motivo di imbarazzo e discredito''. Così Enrico Letta al Senato in mattinata si era difeso dalle accuse delle opposizioni sul caso Shalabayeva e ribadito che il ministro dell’Interno e vicepremier Angelino Alfano era all’oscuro dei dettagli della vicenda. Insomma, il premier ha assicurato che i vertici del governo non furono coinvolti, e che la relazione del capo della polizia Pansa svela aspetti che “lascia attoniti”, in particolare l’atteggiamento dell’ambasciatore kazako definito “inaudito”. Per questo, l’esecutivo intende “intervenire su norme e regole di ingaggio" al fine di evitare il ripetersi di casi simili. Ne consegue che Letta ha chiesto all’aula di dire no alla mozione di sfiducia verso Alfano, perché il voto di oggi, ha detto, “è un nuovo atto di fiducia al governo”. Il discorso è stato salutato dagli applausi di Pd, Pdl e Scelta Civica. Fermi, invece, i senatori di Sel, Lega e Movimento 5 Stelle.

Un risultato previsto, considerato che ieri si era espresso per il no il gruppo del Pd al Senato, nonostante alcuni parlamentari vicini a Matteo Renzi si siano astenuti. Dunque la maggioranza sembra esseri ricompattata. Alessandro Guarasci ha sentito il presidente dell'Istituto Sturzo, Roberto Mazzotta:RealAudioMP3

R. – Il problema dell’affidabilità di un Paese, che è determinato anche dall’esistenza di un governo che funzioni e di una maggioranza politica normale, è un problema vero! La necessità di avere un minimo di stabilità di governo e di essere giudicati dai mercati, dagli intermediari e dagli altri Paesi come Paesi governati senza problemi politici continui, questa è una esigenza ! Molto importante! Anche se la circostanza nei confronti della quale ci si è posti, in particolare del ministro degli Interni, fa riferimento a episodi che danno una incommensurabile tristezza!

D. – Ma, secondo lei, oggi questo governo e questa maggioranza sono più deboli?

R. – Il governo è nato debole, per effetto del risultato elettorale che conosciamo e dell’esigenza di mettere insieme i contendenti di sempre.

D. – Chi è più insidioso per il governo e per la maggioranza Renzi o il Movimento 5 Stelle, secondo lei, in questo momento?

R. – Renzi è un leader politico che certamente potrà fare tante belle cose nei prossimi anni - io lo spero molto… - e fa parte di una schiera di leader politici che speriamo emerga e vanga fuori. Il Movimento 5 Stelle è l’antipolitica! Il Movimento 5 Stelle non è la pioggia, che è un’alternativa naturale al bel tempo: il Movimento 5 Stelle è la grandine per un sistema democratico.

Ultimo aggiornamento: 20 luglio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá