HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-07-19 08:29:36
A+ A- Stampa articolo



Centrafrica: appello del Secam per la pace nel Paese



Un appello a chiare lettere affinché si giunga ad una soluzione del conflitto nella Repubblica Centrafricana e la popolazione possa vivere in pace: a lanciarlo, in questi giorni, è il Secam, il Simposio delle Conferenze episcopali di Africa e Madagascar, che ha appena concluso la sua 16.ma Plenaria. In una dichiarazione a firma di mons. Gabriel Mbilingi, presidente del Secam, la Chiesa africana deplora “le indicibili sofferenze inflitte alla popolazione della Repubblica Centrafricana”, devastata dalle violenze dei ribelli della Seleka, (“Alleanza” in lingua sango), perpetrate dopo il colpo di stato del 24 marzo, che ha portato al potere l’ex capo della ribellione, Michel Djotodia. Di fronte a tale situazione, il Secam si dice “scioccato” non solo per “la violazione dei diritti della popolazione”, ma anche per “l’indifferenza della comunità internazionale”. Al contempo, il Simposio episcopale esprime apprezzamento per la Chiesa locale che “ha denunciato gli abusi” subiti dalla popolazione del Paese ed incoraggia la “cooperazione con le altre denominazioni religiose per offrire speranza a questo Paese martoriato e per lavorare al fine di contenere questa crisi ed evitare che diventi conflitto apparentemente religioso”. Assicurando, quindi, “preghiere, solidarietà e compassione” per il Paese, il Secam si appella alle istituzioni nazionali, all’Unione Africana, all’Ue e all’Onu affinché contribuiscano “a porre fine a tutte le interferenze straniere nel Paese ed a garantire l’assistenza umanitaria alla popolazione”. Inoltre, i vescovi di Africa e Madagascar autorizzano le Caritas delle rispettive nazioni a “mobilitarsi così da offrire il loro contributo, anche piccolo”, mentre chiedono alle autorità centrafricane di “assumersi le proprie responsabilità per garantire la sicurezza e la protezione dell’intera popolazione e facilitare la consegna degli aiuti umanitari”. Infine, i presuli affidano la Repubblica Centrafricana all’intercessione di Maria, Regina della Pace, affinché questa “amata nazione ritrovi la pace e l’armonia”. (A cura di Isabella Piro)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá