HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-07-22 12:09:08
A+ A- Stampa articolo



Gioia ed emozione tra i giovani a Rio: la Gmg, una forte esperienza di Chiesa



Cresce l’attesa tra i giovani pellegrini che in queste ore stanno arrivando numerosi a Rio di Janeiro, per incontrare Papa Francesco. Domani alle 19.30 sulla spiaggia di Copacabana, la Messa di apertura delle Giornate mondiali presieduta dall’arcivescovo della città carioca, mons. Orani João Tempesta. Il servizio di Marina Tomarro:RealAudioMP3

Finalmente Rio! Sono arrivati in tanti e continuano ad arrivare i giovani pellegrini italiani per vivere questa Giornata Mondiale della Gioventù e rendere ancora più bella la "Città meravigliosa". La prima per molti di loro e la prima anche per Papa Francesco. Forse per questo lo sentono così vicino e aspettano con ansia di incontrarlo. Ma cosa li ha spinti a venire nella città carioca? Ascoltiamo alcuni giovani:

R. – Per me è la prima Gmg. Non sono stata a Madrid, ma tutti i miei amici me ne hanno parlato benissimo. Volevo venire a tutti i costi a Rio, non solo perché è un posto nuovo, lontano, ma anche perché c’era la curiosità di conoscere questo nuovo Papa, conoscere nuove persone, un nuovo popolo. Sono emozionatissima!

R. – La cosa che mi spinge è quel pizzico di fede, perché così bisogna definirlo; c'è il fatto di sentirsi tutti Chiesa e questo spinge a sentirci unico corpo di Cristo, proprio Chiesa.

D. – Come ti aspetti di vivere queste Giornate Mondiali della Gioventù, anche incontrando coetanei di tutto il mondo?

R. – Oggi abbiamo avuto un piccolo anticipo, stando qui da stamattina. C’è subito confidenza e la fratellanza qui è più palpabile, più visibile. Non capita, infatti, tutti i giorni di incontrare tantissimi ragazzi. E’ come se ci si conoscesse da tanto tempo.

Ma prima di arrivare a Rio per molti di loro c’è stato un cammino di preparazione. Ascoltiamo don Nello Crescenzi, di Montecassino, e poi don Francesco Rossolini, di Parma:

R. – Quest’anno i ragazzi che hanno partecipato sono una trentina e vengono da diverse parrocchie della diocesi di Montecassino. La scelta è stata quella di lasciarli fare il cammino ordinario, all’interno delle loro parrocchie, e che li preparasse a questo momento . Per questo motivo, la maggior parte di loro è già impegnata nei cammini parrocchiali dell’Azione Cattolica, della catechesi, della pastorale giovanile. Di conseguenza questa tappa rappresenta non solo un punto di arrivo, ma anche un punto di inizio.

D. - Don Francesco Rossolini, voi come vi siete preparati?

R. – Noi ci siamo preparati in tre momenti: uno di preghiera e due di preparazione tecnica. Quindi c’è stato il mandato del vescovo nel Santuario della nostra città, a Parma, in Steccata. Ogni parrocchia poi ha aggiunto a questi momenti diocesani dei momenti particolari.

D. – La Gmg di questi ragazzi non si ferma a Rio, ma prosegue oltre...

R. – Sicuramente. Noi abbiamo anche fatto la scelta di andare in missione una settimana dopo Rio. Andremo quindi nella Guyana, per condividere l’esperienza della missione. Direi, però, che il motto della Giornata Mondiale della Gioventù “Andate, annunciate a tutte le genti”, per noi sarà proprio vero, soprattutto dopo, sia per esperienza missionaria, sia nel ritorno a Parma.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá