HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-07-22 15:14:17
A+ A- Stampa articolo



Legge su omofobia. Nasce la Manif pour Tous Italia



Si accende in Italia il dibattito sulla proposta di legge contro l’omofobia, in discussione alla Camera dal 26 luglio. Presentati centinaia di emendamenti ad una norma che prevede tra l’altro la reclusione da 6 mesi a 4 anni per chi partecipa ad associazioni contrarie al matrimonio gay. Quattro deputati del Pdl hanno proposto una moratoria legislativa sui temi etici. Oggi è stata annunciata la nascita di La Manif pour Tous Italia con l’autorizzazione dell’omonima francese e con taglio apolitico e aconfessionale, che giovedì prossimo manifesterà a piazza Montecitorio. Debora Donnini ha intervistato uno dei membri del comitato organizzatore della Manif pour Tous Italia, Fabio Buccone:RealAudioMP3

R. - Il nostro obiettivo è quello di sensibilizzare attraverso un’opposizione di piazza ed anche sui social network rispetto a questa legge che, qualora passasse, andrebbe a istituire un vero e proprio reato di opinione, per il semplice fatto che scoraggerebbe il dissenso da parte dei singoli cittadini anche associati ad opporsi ad esempio all’adozione di bambini da parte di coppie omosessuali o transessuali. In questo caso noi riteniamo che prevalga il diritto del bambino a vivere con un papà ed una mamma rispetto ad un presunto diritto della coppia omosessuale o transessuale ad averne uno.

D. - Perché voi nel vostro comunicato parlate di “legge bavaglio”?

R. - Parliamo di legge bavaglio per il semplice fatto che non permette ai singoli cittadini e alle associazioni di esprimere la propria posizione contraria o di dissenso, rispetto ad esempio ai matrimoni omosessuali. Ricordo che nella Commissione Giustizia del Senato sono in esame tre proposte di legge che parlano esplicitamente di matrimoni, di cui due esplicitamente di adozioni. In questo caso una manifestazione contro questo tipo di leggi sarebbe scoraggiata, perché sarebbe una manifestazione che va a discriminare un presunto diritto da parte appunto dei richiedenti.

D. - Quindi si troverebbero ad avere problemi anche persone che, secondo l’insegnamento della Chiesa cattolica, sostenessero che gli atti omosessuali sono “intrinsecamente disordinati”?

R. - Certo, qui c’è un problema anche di libertà religiosa: chiunque come cattolico sostenesse ciò che in sintesi viene espresso dal Catechismo della Chiesa cattolica, in questo caso sarebbe appunto passibile di denuncia. Questo riguarda un problema non soltanto della Chiesa cattolica ma anche di altre confessioni oppure di altre religioni.

D. - Voi sostenete che c’è già, in un certo senso, il codice penale per proteggere le persone di qualsiasi orientamento sessuale siano e chiaramente ribadite il rispetto verso le persone omosessuali…

R. – Sì, già il codice penale in linea con la Costituzione permette la difesa delle persone omosessuali, lesbiche e transessuali in questo caso. Noi ribadiamo con molta forza il rispetto della dignità umana e le varie forme in cui essa si esprime. Questo sì, lo ribadiamo con forza.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá