HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-07-24 14:46:19
A+ A- Stampa articolo



Appello della Santa Sede per la Siria: solo la pace ci rende tutti vincitori



In Siria continuano le tensioni, mentre una delegazione dell’Onu è entrata ieri a Damasco per indagare sull’uso di armi chimiche in questa sanguinosa guerra civile. Preoccupante la situazione ai confini con la Turchia, che ha indotto il premier di Ankara, Erdogan, a convocare un vertice di emergenza con ministri e intelligence per valutare i rischi a causa degli scontri avvenuti ieri tra militari e insorti. E la Siria è stata anche l’argomento al centro dell’intervento - nel dibattito aperto sul Medio Oriente - di mons. Francis Chullikatt, osservatore permanente della Santa Sede presso il Consiglio di Sicurezza dell’Onu a New York. Il servizio di Roberta Barbi:RealAudioMP3

Un accorato appello alla comunità internazionale per fermare le violenze in Siria: la Santa Sede torna sul tema attraverso mons. Chullikatt, che nel suo intervento a New York esordisce citando il messaggio della prima Pasqua di Papa Francesco per la pace in Medio Oriente, e l’auspicio che i negoziati di pace tra israeliani e palestinesi possano riprendere. Ma ora l’emergenza è la Siria, un popolo lacerato da una guerra senza fine: “Quanta sofferenza dovrà esserci ancora, prima che una soluzione politica venga trovata?”, si chiede il presule, che intende riportate l’attenzione del mondo sulle cifre impressionanti del conflitto: cinquemila morti al mese, quasi due milioni di rifugiati – il 10% della popolazione – nei Paesi confinanti e quattro milioni di sfollati interni; quasi sette milioni di persone, la maggior parte bambini, che hanno bisogno di tutto. Un’attenzione particolare, poi, per la comunità cristiana locale, che vive nell’insicurezza a causa dell’aumento di rapimenti e omicidi che non risparmiano neppure sacerdoti e vescovi, ma ci sono anche 60 chiese distrutte e il patrimonio artistico e culturale è messo fortemente a rischio. “Non ci può essere progresso sociale senza giustizia – ammonisce mons. Chullikatt – e senza il riconoscimento del ruolo delle minoranze etniche e religiose all’interno della società”. La richiesta è quindi di un’apertura al dialogo da entrambe le parti, perché “non ci può essere alcuna soluzione militare al conflitto siriano”. La guerra, in generale, non è un mezzo per risolvere i conflitti, che invece si possono appianare solo con la diplomazia, perché “la pace in Siria ci rende tutti vincitori, mentre il conflitto duraturo garantisce solo perdenti”.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá