HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-07-27 14:32:45
A+ A- Stampa articolo



India. In Gujarat aborti selettivi hanno ucciso 12 mila bambine in tre anni



In India, si continuano a discriminare le donne fin da quando sono bambine: lo mostrano chiaramente i dati sulla mortalità infantile pubblicati sul sito dell’anagrafe dello Stato indiano del Gujarat, uno dei più ricchi del Paese, ma anche dei più pericolosi in questo ambito: negli ultimi tre anni nelle città sono morte oltre 12mila bambine entro l’anno di vita. La denuncia giunta ad AsiaNews è di padre Cedric Prakash, direttore del Centro gesuita per i Diritti umani, la giustizia e la pace di Prashant: “Si tratta di una società profondamente patriarcale dove – è la sua testimonianza – il fatto che le bambine non siano volute e che le donne non siano trattate come gli uomini è assolutamente normale. Le donne qui sono condannate a una vita di fatica e sono una piccola percentuale di esse occupa posti di rilievo”. Purtroppo, una tale visione trova spazio anche in famiglia, dove si continua a preferire avere un figlio maschio e talvolta ciò degenera nella pratica degli aborti selettivi e degli infanticidi femminili, sia nelle città, dove la popolazione supera di poco i 20 milioni, sia nelle campagne, dove vivono circa 30 milioni di persone. “Se il governo volesse davvero affrontare questo problema – conclude il sacerdote – potrebbe iniziare chiudendo le numerose cliniche abortive illegali esistenti”. (R.B.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá