HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Viaggi apostolici > notizia del 2013-07-28 19:34:09
A+ A- Stampa articolo



Padre Lombardi: grande successo per la Gmg di Rio, da Papa Francesco una spinta al rinnovamento della Chiesa



Alla Messa conclusiva della Gmg a Capocabana hanno partecipato oltre 3 milioni di persone. Un grande successo. Ascoltiamo il commento del direttore della Sala Stampa vaticana, padre Federico Lombardi, al microfono di Roberto Piermarini:RealAudioMP3

R. - Certamente l’attrattiva del Papa Francesco come primo Papa latinoamericano, la sua capacità di comunicazione hanno molto contribuito al successo - diciamo così - dal punto di vista esteriore di questa manifestazione. Ma speriamo che sia anche un successo dal punto di vista interiore, cioè del cogliere il messaggio che il Papa ha voluto dare, che le Giornate in sé vogliono dare. Mi sembra che questo tema della missionarietà, questo tema della responsabilità, dell’impegno dei giovani, del non aver paura, del superare le difficoltà che si pongono loro lunga la via e desiderare di costruire insieme agli altri, inserendosi nella società in un modo attivo e con l’aiuto di tutte le altre parti, le altre componenti della società, sia un messaggio molto ricco, che ha toccato profondamente. Direi anche che è un po’ forse l’originalità del messaggio di questa Giornata, quello che il Papa si proponeva: vivere un incontro con la gioventù, come inserita nella società e nella Chiesa nel suo insieme. Ora con i discorsi che ha fatto, con gli altri atti che ha compiuto - sia di attenzione per i poveri e le persone in difficoltà, i giovani in difficoltà - sia anche con la società sociale, abbia veramente intessuto un dialogo con una realtà molto ampia, in cui i giovani sono inseriti. Quindi, un discorso per i giovani, ma anche un discorso per tutti noi. Questo mi sembra che sia riuscito in un modo molto efficace ed era certamente l’intenzione del Papa Francesco. Anche i due grandi discorsi, quello già fatto per i vescovi brasiliani e quello che farà al Celam, dicono proprio un contesto ecclesiale ampio, continentale, in cui questo evento si inserisce e danno anche una grande prospettiva sul suo modo di vivere e di presentare oggi la missione della Chiesa.
D. - Che significato dare alla scelta di Cracovia nel 2016, la seconda sede per la Gmg in terra polacca dopo Czestochowa?

R. - Sappiamo che il cardinale Dziwisz proponeva, con molta convinzione, Cracovia come meta della prossima tappa del cammino delle Giornate mondiali e lo possiamo ben capire, perché - tra l’altro - stiamo per avere la canonizzazione di Giovanni Paolo II, che è stato l’inventore, possiamo dire, delle Giornate mondiali della gioventù e - come dice il cardinale Dziwisz - le giornate della gioventù sono state probabilmente una delle intuizioni più feconde nel corso del suo Pontificato. Quindi è giusto, è bello che la gioventù del mondo possa pellegrinare anche alla terra del nuovo santo, che è stato all’origine di questa convocazione mondiale dei giovani, che dà tanto coraggio, tanto entusiasmo e tanto orientamento alla gioventù del mondo intero.

D. - Padre Lombardi, possiamo fare un bilancio sulla prima visita papale di Papa Francesco?

R. - Credo che sia un viaggio che ha ottenuto pienamente il suo successo e le sue finalità. E’ anche un viaggio che ha parlato alla gioventù del mondo riunita qui a Rio, ma ha anche parlato molto al Brasile e al continente latinoamericano. Abbiamo visto il Papa - in un certo senso - nel suo ambiente, nella sua terra, parlando spontaneamente la sua lingua: ha anche parlato molto in spagnolo. Era assolutamente inserito in un ambiente, con cui era perfettamente capace di interagire, di colloquiare e di lanciare dei messaggi forti. Ha usato anche delle espressioni molto concrete, molto efficaci. Lo fa sempre: a Roma lo ha già fatto tantissimo… Ma qui ci è sembrato farlo ancora con più spontaneità. In certo senso anche per noi è stato un modo di conoscere di più il Papa latinoamericano nel suo contesto. E direi che, vedendo l’efficacia del suo rapporto pastorale e di orientamento con questa terra, abbiamo anche capito meglio come l’avere un Papa latinoamericano e come la dimensione dinamica della Chiesa in questo continente, che egli incoraggia moltissimo - sempre facendo riferimento ad Aparecida, al grande convegno dei vescovi e alla continuità con questo grande evento di Chiesa - sia una ricchezza per la Chiesa universale, possa probabilmente dare un contributo, che l’abbiamo sempre detto un po’ a parole, ma poi lo sperimentiamo adesso nella pratica: come da una Chiesa vivace, dinamica come quella latinoamericana, incoraggiata a essere se stessa con tutta la sua ricchezza di giovanilità e di spontaneità, possa venire un nuovo incoraggiamento alla Chiesa universale. Certamente alla Chiesa europea che si sente, per esempio, più stanca o più abitudinaria; e probabilmente anche agli altri continenti. Quindi direi che abbiamo vissuto pienamente la Giornata della gioventù con un grande successo, con una grande partecipazione e intensa dei giovani, ma abbiamo anche visto il Papa dare il suo servizio autorevole di pastore universale alla Chiesa del continente che ha più cattolici in tutto il mondo e di qui indicare anche alla Chiesa universale una via di rinnovamento, di ringiovanimento che sarà preziosa per tutti.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá