HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-07-29 14:49:37
A+ A- Stampa articolo



Tunisia sul punto di esplodere, governo si riunisce per fronteggiare crisi



Sembra sul punto di esplodere la situazione in Tunisia, dove si moltiplicano le proteste contro il governo da Sousse fino a Sidi Bouzid, dove la polizia ha dovuto rispondere con i lacrimogeni al lancio di pietre da parte dei manifestanti. A Tunisi, dove comunque la situazione sembra ancora pacifica, da ieri manifestanti dell’opposizione hanno eretto una tendopoli in piazza del Bardo, davanti al Palazzo dell’Assemblea nazionale dove lavora la Costituente, chiedendone lo scioglimento: già 70 membri si sono autosospesi. Si tratta di un luogo particolarmente simbolico, perché l’Assemblea dovrebbe consegnare il testo – indispensabile per indire nuove elezioni – entro la fine di agosto. I contestatori dell’esecutivo guidato dal partito di Ennahda e dal presidente Marzouki, che per oggi ha convocato una riunione di crisi, chiedono inoltre le dimissioni del governo e la formazione di uno nuovo di unione nazionale. A esasperare il clima e a dimostrazione che la protesta ha travalicato i confini politici, c’è anche l’iniziativa del Fronte di salute nazionale di rompere collettivamente il digiuno del mese sacro del Ramádan che sta per concludersi: un chiaro appello alla laicità dello Stato. Intanto, il governo, che al suo interno è sempre più diviso tra chi vorrebbe schiacciare la protesta e chi avviare un dialogo, incassa anche le dimissioni del potente consigliere del presidente, He’di Ben Abbe’s. (R.B.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá