HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-07-31 20:16:17
A+ A- Stampa articolo



Dal Senato sì al decreto lavoro. La disoccupazione giovanile è al 39,1%



Il Senato ha approvato il decreto lavoro-Iva con 203 sì, 35 no e 32 astenuti, che contiene incentivi per le assunzioni dei giovani. Il testo passa ora alla Camera in seconda lettura. Resta intanto preoccupante il dato Istat sulla disoccupazione giovanile, che è al 39,1%. Il servizio di Debora Donnini:RealAudioMP3

Sgravi contributivi per le imprese che assumono a tempo indeterminato giovani fino a 29 anni, slittamento al primo ottobre il termine dell'aumento dell'Iva dal 21 al 22%, sbloccati altri 20-25 miliardi di pagamenti dei debiti della pubblica amministrazione. Queste alcune delle principali novità del decreto Lavoro-iva che ha avuto l’ok del Senato. Previsto anche lo stop alla pubblicità per le sigarette elettroniche, la riduzione del tempo fra un contratto a termine e l’altro e il rilancio dell’apprendistato. Estese anche ai co.co.pro le tutele contro le cosiddette 'dimissioni in bianco'. Soddisfazione dal ministro del Lavoro Giannini. A far crescere la preoccupazione arrivano però i dati Istat sulla disoccupazione giovanile: 39 giovani su 100 non lavorano, con un più 4,6% rispetto all’anno scorso. In generale la disoccupazione a giugno si ferma al 12,1%, con un piccolo passo indietro su maggio, anche se resta in aumento su base annua con un rialzo di 1,2 punti. Intanto si riprende l’economia americana: il Pil degli Stati Uniti nel secondo semestre 2013 cresce dell’1,7% , ben oltre le attese.

Gli incentivi per far assumere i giovani approvati oggi dal Senato e le altre misure per il lavoro riusciranno ad “intaccare” la disoccupazione giovanile, che in Italia è arrivata al 39,1%? Debora Donnini lo ha chiesto a Tommaso Cozzi, professore di economia all’Università di Bari:RealAudioMP3

R. - Credo che siamo all’inizio delle misure che il governo e il parlamento devono assumere per risolvere il problema dell’occupazione in generale, e di quella giovanile in particolare. Sicuramente sono misure significative, ma se andiamo a guardare la copertura finanziaria, purtroppo, di fatto, non potranno essere risolutive. Quindi, il governo sta contemporaneamente lavorando su misure di sistema, che quindi risolvano al fondo i problemi, ma purtroppo con una limitatezza di risorse che riguarda l’economia dell’Unione Europea in generale. Direi che si può provare ad essere ottimisti; il percorso è appena iniziato, mi sembra che si sia sulla buona strada.

D. - Questo stop dell’aumento dell’Iva, che in realtà slitta al 1° ottobre 2013, è utile?

R. - Direi che è utile, perché l’Iva ricade sul consumatore finale; ed un aumento dell’uno percento, in un momento di crisi, è significativo. Il mio auspicio è che questo rinvio possa essere una premessa per evitare totalmente l’aumento dell’Iva. C’è il problema di lasciare liquidità nelle tasche dei consumatori; aumentando l’Iva dell’uno percento, si agisce in maniera esattamente opposta.

D. - Oggi i dati dicono che l’economia americana è in ripresa: come mai in Italia, invece, la situazione è così difficile da sbloccare?

R. - Se andiamo a guardare i cicli storici, questa è una storia che si ripete. In genere, gli Stati Uniti anticipano sia le crisi che le riprese. Negli Stati Uniti si opera con una logica differente rispetto a quella europea ed italiana, in particolare. Tra l’altro poi ci sono i cosiddetti “fondamentali”, quali le risorse energetiche, il sistema industriale, che sono molto più potenti, avanzate e sviluppate rispetto all’Italia. Quindi è normale che un trend positivo inizi dagli Stati Uniti e in genere poi c’è un rimbalzo anche sull’Unione Europea.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá