HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-08-01 14:43:20
A+ A- Stampa articolo



Gmg. Dino Boffo: Papa Francesco conquista con la sua novità



La Gmg di Rio de Janeiro ha calamitato l’attenzione mondiale grazie anche alle dirette televisive e ai social network. Tra le tv italiane che hanno avuto gli ascolti maggiori per la copertura del viaggio del Papa in Brasile spiccano Rainews24 e Tv2000. Luca Collodi ha raccolto il commento del direttore della tv dei cattolici italiani, Dino Boffo:RealAudioMP3

R. – Io direi che questo Papa non sia difficile da conoscere. Non è, dunque, difficile decifrare il suo successo. So che bisogna, però, applicarsi per raccontarlo, non continuando ad usare la nostra stagionata tavolozza di colori, di argomenti, perché fare così significa fallire. Bisogna tentare di farlo come se per la Gmg si sia trattato di una formidabile avventura spirituale e culturale.

D. – La stampa laica ha maggiore facilità oggi a parlare di Papa Francesco?

R. – A me sembra francamente di cogliere più che altro un certo imbarazzo. Probabilmente, la stampa laica non era pronta, e non è tuttora pronta, a cogliere il “novum” di questo Pontificato, che non è solo recente, è proprio nuovo. E’ un Papa che guarda ai prossimi 50 anni della Chiesa. La mia impressione è che la stampa laica sia tutta presa dalla contingenza vaticana, dal colore, dal contorno, ma non riesca a decifrare Bergoglio con i colori e l’alfabeto di Bergoglio.

D. – La stampa cattolica, invece, può avere elementi di novità nel raccontare il Papa?

R. – Io direi che la stampa cattolica riesce nella misura in cui fa parlare il Papa stesso e cerca di evidenziare che lui è interessato a salvare il più possibile della sua personalità, del suo stile, del suo modo di essere pastore. Se il Signore, infatti, l’ha scelto per il suo modo di essere pastore, è evidente che lui intenda cambiare il meno possibile.

D. – Tv 2000 ha riscosso un grande successo di pubblico. Addirittura, in alcune fasce orarie negli ultimi giorni del viaggio del Papa in Brasile, ha avuto più ascoltatori della Rai. Come spiega il successo di una tv cattolica nazionale?

R. – Io penso si spieghi con il successo del Papa, non tanto con nostre ragioni, intrinseche al mezzo o alle nostre singole abilità. Piuttosto la nostra abilità, se di abilità si tratta, è fare spazio al protagonista, al Papa, e semmai ai giovani e al popolo brasiliano e, comunque, fare spazio non al nostro racconto imbastito a prescindere: è stare inchiodati al linguaggio del Papa, tentare di decodificarlo con i suoi stessi codici, con i suoi precedenti, e poi lasciarsi stupire da Dio, da quello che Lui fa nella vita delle persone, dalle coincidenze di cui Egli si serve per costruire le singole stagioni della sua Chiesa. Io trovo che quello che cortesemente lei chiamava il successo della mia emittente sia l’identificarsi, indovinando il sentimento popolare, interpretandolo, ma anche traguardare l’obiettivo in avanti, come fa il Papa, verso i prossimi 50 anni di questa Chiesa nel mondo.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá