HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-08-01 13:21:05
A+ A- Stampa articolo



P. Casalone: Papa Francesco chiede ai gesuiti di trovare nuovi modi di evangelizzazione



“Essere uomini radicati e fondati nella Chiesa: così ci vuole Gesù”: è uno dei passaggi forti dell’omelia che Papa Francesco ha pronunciato nella Festa di Sant’Ignazio di Loyola nella Chiesa del Gesù a Roma. Una celebrazione di grande significato, essendo Papa Bergoglio il primo Pontefice della Compagnia di Gesù. Antonella Palermo ne ha parlato con padre Carlo Casalone, provinciale dei gesuiti d’Italia: RealAudioMP3

R. - C'è un’impressione di grande familiarità e di grande vicinanza di Papa Francesco, che conosce il suo cammino, la sua formazione all’interno della Compagnia e - come ha sottolineato il padre generale, Adolfo Nicolas - si sente gesuita, pensa come un gesuita.

D. - Papa Francesco ha messo in guardia sul costruirsi cammini paralleli in seno alla Chiesa e ha detto, invece, la creatività va bene…

R. - Su questo devo dire che Papa Francesco si richiama alle parole che anche Papa Benedetto XVI ha detto alla Congregazione generale dei Gesuiti nel 2008: “Andare alle frontiere”. Andare alle frontiere vuole dire andare in quei luoghi, che lui chiama periferie, dove si è meno presenti: sono periferie non solo geografiche, ma anche culturali ed esistenziali di povertà, di marginalità, di fragilità, alle quali il Vangelo in particolare si rivolge. Quindi si tratta di trovare nuove modalità nella logica della nuova evangelizzazione, che non cambia il Vangelo, ma cambia il modo di portarlo, di testimoniarlo, rinnova colui che evangelizza o la comunità che evangelizza, in modo che possa farlo con rinnovata intensità e con modalità che siano effettivamente recepibili da coloro ai quali si rivolge.

D. - Una parola risuona con urgenza nella omelia del Santo Padre, che è quella della “vergogna”. Vorrei che ci aiutasse a capire bene in che senso dobbiamo parlare di vergogna…

R. - Papa Francesco si riconosce profondamente radicato nella spiritualità della Compagnia e questa parola che lui ha utilizzato viene dagli esercizi spirituali, dove - nella fase iniziale del percorso degli esercizi - Ignazio di Loyola parla della meditazione sul peccato. Papa Francesco dice che noi facciamo fatica a sentire vergogna per il male nelquale siamo implicati, il male con il quale siamo collusi. E' bene invece che noi riconosciamo il nostro limite e che cerchiamo onestamente di riconoscere quelle zone oscure, quel lato oscuro della nostra esperienza umana, che ha a che fare con la vergogna e con la colpa.

D. - Da qui si può cogliere il motivo di ripartenza e di rinnovamento della Chiesa?

R. - Penso che questo sia una buona strada di partenza, che inizia dalla conversione personale di ciascun credente, a partire dal Papa. Nel viaggio di ritorno dalla Gmg di Rio, il Papa ha detto: io veramente non so come saranno organizzati lo Ior piuttosto che la Curia, però so che dobbiamo lavoraci, che dobbiamo lavorarci insieme, che dobbiamo confrontarci, che dobbiamo riconoscere le cose che non vanno e da lì partire, onestamente e semplicemente, per costruire delle modalità migliori.

D. - Il Papa verso la fine dell’omelia ha inserito due richiami iconografici, che hanno a che fare con l’immagine del tramonto e ha fatto riferimento a due pilastri della Compagnia di Gesù: San Francesco Saverio e il padre Pedro Arrupe…

R. - Sì, le ha definite due icone di gesuiti che hanno speso la loro vita fino in fondo, cioè fino al tramonto, ma anche fino in fondo esistenzialmente, che si sono cioè dati completamente alla missione. Francesco Saverio, dopo la sua missione in Oriente, cercando di andare in Cina senza riuscirci, e quindi volgendo lo sguardo a un nuovo orizzonte missionario; e padre Arrupe che, alla fine del suo impegno come preposito generale della Compagnia di Gesù, si è giocato fino in fondo nella linea della offerta della propria vita al servizio del Vangelo nella Chiesa.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá