Logo Radio Vaticana Radio Vaticanawww.radiovaticana.va
One-O-Five live

RSS PODCASTRSS TEXT
Come AscoltareCome Ascoltare
Chi Siamo


Home > notizia del 2013-08-05 17:36:01
A+ A- Drucken Share on Facebook Tweet this Follow us on Twitter



Governo: la presenza del laicato cattolico in politica, da Todi ad oggi, sembra dissolta




RealAudioMP3 "La forza di questo governo è che il Paese ha bisogno di un governo, e ci si rende conto che non ci sono, soprattutto con l’attuale legge elettorale, delle prospettive realistiche per risolvere il nodo politico. Si tratta di capire se questo elemento, cioè si governa perché non se ne può fare a meno, può essere sufficiente per governare davvero". Per il sociologo Mauro Magatti, docente di Scienze Politiche alla Cattolica di MIlano, questa incetezza politica può dipendere, in parte, da un certo disordine nei rapporti tra poteri dello Stato. "Questo disordine è evidente. Il nodo si è intricato nel corso degli anni. E’ evidente che la Magistratuta ha avuto un ruolo più marcato dovuto, naturalmente, ad una serie di problematiche del Paese. Abbiamo un ruolo del Capo dello Stato fondamentale per certi passaggi, che è cresciuto e acquistato rilevanza che andrà considerato. Abbiamo un rapporto tra governo e Parlamento peculiare, con il governo che usa decreti per arrivare a decisioni e un Parlamento che rischia di essere inconcludente". In questa situazione di crisi, la presenza del laicato cattolico in politica, da Todi ad oggi, sembra annullata o dissolta. "E’ un punto dolente su cui riflettere. Ho partecipato, sia a Todi 1 che Todi 2, ed ho avuto la percezione, come tutti, che nel 2011 e 2012, potesse esserci un’occasione perché questa radice cattolica tornasse in forme nuove ad essere protagonista del destino dell’Italia. Credo che siano stati commessi degli errori. Si sono manifestati limiti delle persone. Ci sono state valutazoni sbagliate. Ma una cosa, a me, pare evidente. Questo è un Paese a tradizione e radice cattolica. Senza questa radice, il Paese non ce la fa a stare in pedi. Lo dico da sociologo. L’economia e le Istituzioni, per poter funzionare, devono far riferimento ad una base morale e la base morale, in ultima istanza, è a base religiosa. E quando c’è una separazione, come in questa fase storica, tra la radice cattolica, le Istituzioni e l’economia, il Paese non regge". (a cura di Luca Collodi)