HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-08-06 14:27:28
A+ A- Stampa articolo



35 anni fa la morte di Paolo VI. Nel pomeriggio Messa di suffragio in San Pietro



Ricorre oggi il 35.mo anniversario della morte di Papa Paolo VI, avvenuta il 6 agosto 1978. La Santa Messa presieduta dal vescovo di Bergamo, mons. Francesco Beschi, verrà celebrata oggi alle 17 presso l’altare della Cattedra della Basilica Vaticana. Sulla figura di Papa Montini, ascoltiamo, nell’intervista di Davide Maggiore, il presidente dell’Istituto Paolo VI di Brescia, don Angelo Maffeis:RealAudioMP3

R. – Ha lasciato, credo, innanzitutto una testimonianza luminosa di servizio alla Chiesa nelle diverse tappe della sua attività, prima come assistente degli studenti universitari della Fuci, poi nel suo lungo lavoro nella Segreteria di Stato vaticana, poi come pastore della Chiesa: prima come arcivescovo di Milano e poi come Papa. E’ stato eletto mentre era aperto il Concilio Vaticano II, che lui ha portato a compimento. E gli anni successivi al 1965 sono stati assorbiti dalla realizzazione delle indicazioni che il Vaticano II aveva offerto per la vita della Chiesa: basti pensare alla riforma liturgica, basti pensare alle riforme che Paolo VI ha realizzato nelle istituzioni ecclesiali.

D. – Vogliamo concentrarci un po’ più in particolare su questo aspetto della realizzazione del Concilio Vaticano II?

R. – Io credo che già si vedano le radici di questo impegno per la realizzazione del Vaticano II, nel modo in cui lui l’ha guidato, nel rispetto assoluto della libertà che i vescovi dovevano avere per esprimersi e per trovare consenso attorno alle linee da offrire alla Chiesa. E con una acuta consapevolezza del suo ruolo di Successore di Pietro, intervenuto anche nel dibattito conciliare, soprattutto per guidare questa assemblea episcopale verso il consenso su alcune scelte di fondo. Io credo che sia questo il tono che ha dominato anche il lavoro negli anni post-conciliari: rimanere fedeli allo spirito, alle indicazioni del Vaticano II e, al tempo stesso, guidare la barca di Pietro in questa situazione tempestosa degli anni successivi al Vaticano II.

D. – C’è anche una linea di continuità ideale tra Paolo VI e Papa Francesco: in particolare uno dei riferimenti più importanti è l’Esortazione apostolica Evangelii Nuntiandi

R. – Di questo abbiamo avuto un’eco molto viva, anche ultimamente, nell’incontro che la diocesi di Brescia ha avuto con Papa Francesco il 22 giugno scorso: Papa Francesco ha incontrato i pellegrini della diocesi di Brescia insistendo, appunto, sull’Evangelii Nuntiandi che lui considera uno dei documenti pastorali più significativi degli ultimi decenni. In quell’occasione, abbiamo avuto evidente dimostrazione del legame spirituale che unisce Papa Francesco a Paolo VI, proprio perché il Papa ha sottolineato tre aspetti fondamentali dell’insegnamento che è prima spirituale e poi pastorale, del servizio ecclesiale di Paolo VI: il suo amore a Cristo, il suo amore alla Chiesa, il suo amore all’uomo.

D. – Per quanto riguarda Paolo VI, è impossibile non fare riferimento anche alla Humanae Vitae e alla Populorum Progressio che anche sono state citate molte volte dai suoi Successori…

R. – Credo che qui si colga anche questa sensibilità particolare di Paolo VI, che interpreta il suo compito di Maestro della Chiesa universale come compito che lo porta a confrontarsi con i problemi nuovi che emergono nella società, e al tempo stesso a far valere una parola che non si limita semplicemente ad assecondare il sentimento comune, ma cerca di interrogare il modo di pensare diffuso, alla luce della visione cristiana dell’uomo e dei valori che devono essere incarnati anche nell’agire concreto.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá