HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-08-18 11:00:17
A+ A- Stampa articolo



In due libri la vicenda di un "nuovo povero": dopo la disperazione, la ripresa



Mai arrendersi: è il messaggio di Maurizio De Vito, ragioniere licenziato a 50 anni, con una moglie casalinga e due figli a carico, che hanno subìto lo sfratto da casa. Poi sono sopraggiunti il diabete, l’ipertensione e la depressione. Ma Maurizio De Vito ha reagito stampando a sue spese due libri in cui scrive dei nuovi poveri, poi ha ritrovato un lavoro tornando a una vita normale. Così racconta la sua esperienza al microfono di Elisa Sartarelli.RealAudioMP3

R. – Il nuovo povero è una figura sociale emergente. Diciamo che già da qualche anno comincia ad affacciarsi sul nostro scenario sociale, perché comunque la crisi è partita già qualche anno fa. Il nuovo povero è la persona che non vive sulle panchine, con la barba lunga, con i panni sporchi, che vive di elemosina ma è la persona nascosta dentro casa, che magari ha perso il lavoro, non riesce a pagare l’affitto, a pagare le bollette, a fare la spesa oppure va a fare la spesa con i centesimi contati. Ed è una figura che abbraccia tante tipologie di persone: potrebbe essere un impiegato, un operaio, anche un professionista, una qualsiasi persona che, poi, con il mercato del lavoro che è cambiato, anche contrattualmente, e quindi con le nuove esigenze economiche di mercato, si è trovata senza lavoro o comunque ha perso il lavoro per altri motivi. E’ un nuovo povero anche il papà separato che è costretto ad affittare un appartamento e con lo stipendio non tira avanti e va a mangiare alla Caritas. Sono tante le figure dei nuovi poveri. Ad esempio, i pensionati che si ritrovano i figli 50.enni a casa perché separati o senza lavoro.

D. – Come ha avuto l’idea dei due libri che ha scritto?

R. – Il primo libro è “Non smettere mai di sognare” ed è stata una esternazione forte che è avvenuta in una notte di disperazione. Quella lunga notte non sarebbe mai passata se non avessi scritto questo mio libro. “Non smettere mai di sognare” è proprio la mia autobiografia, descrive la situazione che stavo vivendo in quel momento. Ed è stato un po’ come un risveglio. Il secondo libro, invece, “Io sono il nuovo povero”, è un seguito nel quale c’è una reazione forte, una ripresa anche a livello di voglia di ricominciare con i corsi di formazione, con tutto quello che c’era da fare… L’ho fatto stampare a spese mie e sono andato a venderlo alla Stazione Termini, alla Stazione Ostiense e per le strade di Roma, cercando comunque di diventare l’imprenditore di me stesso. Durante la stesura di questo secondo libro, ho avuto la fortuna di fare un’esperienza al dormitorio comunale di Aprilia, dove abito: inizialmente, come operatore sociale, ho fatto due mesi; poi sono rimasto comunque come volontario, senza prendere alcuno stipendio. Diciamo che io lo definisco un po’ il seguito di quello che mi sarebbe successo se non avessi avuto questa grande forza, questo grande risveglio.

D. – Dopo numerosi corsi e colloqui di lavoro, è tornato a fare il ragioniere. La sua è una storia a lieto fine…

R. – Sì, senz’altro. Ma non è perché è arrivata la vincita alla lotteria o il lavoro della vita: è solamente arrivata la consapevolezza di avere una grande forza interiore, di averla tolta dalle macerie della sofferenza. Questa forza interiore è grande e viene dalla fede: da una fede forse ritrovata, forse riscoperta, non lo so. E’ una fede che arriva ad un certo punto, o forse c’è sempre stata ma non è mai stata così approfondita ed è in questo momento di grande dolore che ho conosciuto Dio. Non sono mai stato, prima, il perfetto cattolico; però, a questo punto, in questo momento della mia vita, ho incontrato la fede.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá