HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-08-19 08:37:03
A+ A- Stampa articolo



Giornata mondiale aiuti umanitari. Il commissario Ue Georgieva: nessun Paese sia abbandonato



Il 19 agosto 2003 nell’attacco terroristico contro la sede delle Nazioni Unite a Baghdad perdevano la vita 22 persone, tra di loro anche l’inviato dell’Onu in Iraq, il diplomatico brasiliano, Sergio Vieira de Mello. Nel decimo anniversario, il Palazzo di Vetro ospiterà oggi una cerimonia commemorativa. Da allora ogni anno in questa data si celebra la Giornata mondiale degli aiuti umanitari. Fausta Speranza ha intervistato in proposito Kristalina Georgieva, Commissario europeo per la cooperazione internazionale, gli aiuti umanitari e la risposta alle crisi:RealAudioMP3

R. – Unfortunately we had seen an increasing...
Purtroppo abbiamo visto aumentare la violenza contro quelle persone che rischiano la loro vita per salvare quella altrui. Negli ultimi dieci anni, 880 operatori umanitari sono stati uccisi e circa 1.500 sono stati feriti o rapiti: tre volte di più rispetto al periodo precedente la guerra in Iraq. Questo perché ci sono state più situazioni di violenza, e questo mi porta a pensare direttamente alla Siria. In Siria, infatti, è in corso il conflitto più violento nel quale la garanzia di sicurezza di medici e operatori umanitari è completamente ignorata. Le ambulanze vengono colpite, gli ospedali bombardati, i convogli che trasportano cibo e medicinali salvavita vengono bloccati da uomini armati che rubano i kit chirurgici: questo significa che la gente muore per colpa della violenza esercitata nei riguardi degli operatori umanitari!

D. – E’ stata in Siria?

R. – I have been numerous times in the neighbouring Countries...
Sono stata numerose volte nei Paesi vicini, dove ho incontrato i rifugiati siriani. Sono stata, di notte, al confine tra la Giordania e la Siria e ho visto persone arrivare senza nulla, con i soli vestiti che indossavano, sui volti il terrore per quello che hanno lasciato alle spalle. Non sono stata in Siria, perché questo richiede un permesso da parte del governo di Assad. In qualità di Commissario per le questioni umanitarie do molto valore al principio di neutralità, imparzialità e indipendenza e questo significa che in ogni conflitto, incluso quello siriano, non prendiamo posizione: ci preoccupiamo solo del destino della gente, le cui vite sono a rischio a causa dei combattimenti e della sicurezza degli operatori umanitari che sono lì per aiutarli. La crisi siriana è forse la peggiore degli ultimi decenni, con oltre 100 mila morti e 1 milione e 700 mila rifugiati nei Paesi vicini, ma anche oltre 5 milioni di sfollati all’interno del Paese.

D. – La Siria è un’emergenza assoluta, è una tragedia, ma ci sono altre aree in crisi da ricordare.
R. – You are so right. I went very recently…
Sì, sono stata recentemente nella Repubblica centrafricana: un Paese di 4 milioni e 600 mila abitanti, tutti colpiti dal conflitto! Sono stata nella cittadina di Kaga-Bandoro, nel cuore della Repubblica Centrafricana, con una popolazione di 26 mila persone, dove ho visitato un ospedale. Nella struttura non c’era assolutamente nulla: né elettricità, né strumenti medici, né medicinali, né cibo, né materassi. Un uomo in quell’ospedale mi ha chiesto: “Come mai il mondo ha dimenticato che esistiamo?”. Posso trovare la risposta solo parlando per conto delle persone del Centrafrica e facendo tutto il possibile per aiutarle. Noi abbiamo significativamente aumentato l’aiuto umanitario per questo Paese: l’anno scorso abbiamo procurato 8 milioni di euro e quest’anno forniremo 20 milioni di euro e forse anche di più. Stiamo lavorando molto duramente per ottenere l’attenzione delle Nazioni Unite, in modo da fornire una maggiore sicurezza al Paese. Nessun Paese dovrebbe essere abbandonato, perché l’abbandono significa una sofferenza enorme per i suoi abitanti, ma significa anche mancanza di sicurezza per i Paesi vicini e per tutto il mondo.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá