HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-08-21 16:10:45
A+ A- Stampa articolo



Bhatti: deluso per scarcerazione imam che aveva accusato falsamente Rimsha



E’ deluso Paul Bhatti, consigliere del ministro per l’Armonia nazionale e presidente dell’Alleanza pakistana delle minoranze, per la scarcerazione a Islamabad dell’imam che aveva falsamente accusato di blasfemia una ragazza cattolica affetta da disabilità mentale. In seguito alle sue dichiarazioni, Rimsha era stata arrestata e numerosi cristiani erano dovuti sfuggire agli attacchi dei musulmani radicali. L’imam era stato in seguito inchiodato da testimoni oculari che lo avevano visto strappare pagine del Corano per inserirle nella borsa della ragazza. Ora arriva l’assoluzione per la mancata presentazione in tribunale dei testimoni. Francesca Sabatinelli ha intervistato Paul Bhatti:RealAudioMP3

R. – La notizia è veramente deludente, e mi ha lasciato veramente perplesso: questa non è una notizia di cui dev’essere preoccupata solo la comunità cristiana, ma anche quella musulmana, in quanto questo imam ha fatto un’accusa falsa mettendo delle pagine del Corano nella borsa della ragazza, e di questo ci sono stati testimoni musulmani. Perciò, prima di tutti lui ha commesso un atto di blasfemia, secondo la legge islamica, e questo dovrebbe essere un momento di grande preoccupazione per la comunità musulmana. Seconda cosa: ci sono le prove attendibili. Quando è stato accusato, c’erano i due principali testimoni, che erano in preghiera nella moschea. Avevamo chiesto a questi se fossero disposti a rendere testimonianza davanti alla Corte, e loro si sono offerti volontariamente. Allo stesso tempo, c’è stato un canale televisivo importante che ha intervistato i testimoni, e questi hanno dichiarato a questa tv che era stato l’imam, e abbiamo anche la registrazione di questo! Successivamente, questi testimoni hanno dichiarato di fronte al giudice che era stato l’imam. C’è un articolo della nostra legge che dice che quando una persona rende una dichiarazione di questo tipo, debba essere senza pressione, e quindi il giudice gli dà tre possibilità: una prima dichiarazione, poi il tempo di pensarci e torna una seconda volta; poi, la seconda volta gli dà un ulteriore tempo per ripensarci e torna una terza volta. Quando il testimone per tutte e tre le volte rende la stessa dichiarazione e afferma di non essere sotto alcuna pressione, allora questa dichiarazione non può essere più cancellata, anche se il testimone ad un certo punto, successivamente, dovesse affermare che la dichiarazione resa non sia vera.

D. – Con le prove che avete, è possibile procedere ad un ricorso?

R. – Sì, sicuramente è possibile. Però, per questa possibilità ci deve essere un supporto economico perché gli avvocati che seguono queste cause chiedono molto denaro, perché corrono molti rischi. Allora, avendo mezzi limitati spesso non riusciamo a muoverci …

R. – Voi ci state pensando?

D. – Sì … Noi ci stiamo pensando, ma io dovrei consultare gli avvocati e vedere poi se i finanziamenti mi permettono di pagare l’avvocato. Io dentro il mio cuore sono convinto che il ricorso vada fatto: la verità deve venire fuori.

D. – Secondo lei, perché questi testimoni hanno tutti ritrattato la loro dichiarazione?

R. – Non è che l’hanno ritrattata: non possono ritrattarla secondo quell’articolo di legge che ho citato prima. Il fatto che loro non si siano presentati significa che hanno subito una forte pressione, probabilmente dalla comunità. Anche quando era in corso il processo a Rimsha, venivano 100-200 persone e questi incominciavano ad urlare, a inveire contro il giudice. Probabilmente, anche il giudice si è trovato sotto pressione: questo succede spessissimo! Succede anche con tantissime accuse di blasfemia: al processo di primo grado vengono accusati, al processo di secondo grado, al quale non possono assistere tutte le persone e dove c’è anche una certa sicurezza, vengono assolti.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá