HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-08-22 08:48:53
A+ A- Stampa articolo



Meeting di Rimini, Mario Mauro: l'impegno di pace dell'Italia all'estero prosegue



Al meeting di Rimini è intervenuto anche il ministro della Difesa Mario Mauro che ha sottolineato in particolare la preoccupante situazione dei cristiani in Egitto. Sul caso dei marò ha precisato che i quattro fucilieri della Marina, che potrebbero testimoniare nel caso dei due colleghi arrestati in India, potranno essere ascoltati in Italia o in videoconferenza. L’ampio intervento di Mauro si è incentrato però su sicurezza e educazione nelle missioni di pace. Luca Collodi, ha chiesto al ministro se è importante che queste missioni proseguano e se raggiungono risultati validi:RealAudioMP3

R. – Senz’altro, non c’è nessun dubbio, perché non dobbiamo dimenticare che costantemente le centrali terroristiche cercano di impadronirsi di alcune nazioni, per potere avere una base dalla quale partire per le proprie missioni di morte. Era stato il caso dell’Afghanistan prima del 2001. Quindi, proprio in quella circostanza, portando sul terreno i nostri uomini, noi abbiamo contribuito in 10 anni di Isaf a restituire all’Afghanistan la propria libertà e la propria dignità. Questo vuol dire tante cose: vuol dire 7 milioni e mezzo di studenti, tra cui il 35 per cento donne e il 20 per cento di studentesse universitarie; vuol dire 120 ospedali costruiti dall’inizio di Isaf; vuol dire migliaia di chilometri di strade e ferrovie realizzate; vuol dire imprese aperte; vuol dire ripresa di una società civile, che era stata messa in ginocchio dal furore ideologico degli studenti islamisti.

D. – L’impegno dell’Italia all’estero, quindi, proseguirà...

R. – L’impegno dell’Italia all’estero prosegue. Oggi è articolato su 23 nazioni in 33 differenti missioni. Oggi siamo 3200 in Afghanistan e siamo 5600 complessivamente. Ma vi sono anche missioni, dove siamo una o due persone, perché l’apporto di conoscenze, di know-how tecnologico e di capacità di comando dei nostri militari è, in tante circostanze, parimenti utile quanto presenze più articolate.

D. – A livello di supporto logistico, in questo quadro di proseguimento delle missioni, ad esempio, nuovi aerei – e qui parliamo di F35 – sono utili?

R. – In realtà lì c’è un aspetto forse più facilmente comprensibile se teniamo conto del fatto che 254 aerei della forza dell’Aviazione italiana vanno in pensione. Non saranno semplicemente più in grado, a breve, di poter volare. Ne sostituiamo 254 con 90: non penso sia un segno particolare di esibizione muscolare.

D. – La Difesa guarda con preoccupazione alla sicurezza anche dei migranti che circolano in questo momento nel Mediterraneo...

R. – Direi che fa molto di più che guardare. Negli ultimi dieci anni, infatti, abbiamo tratto in salvo 110 mila persone tra Marina Militare e Capitaneria di Porto, e questo è un enorme credito di gratitudine che, non solo gli italiani, ma gli europei, e direi i cittadini di tutto il mondo, devono alle nostre Forze Armate. Se pensiamo invece a quanti in mare si sono persi, capiamo quanto sia essenziale questo ruolo.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá