HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-08-22 14:15:55
A+ A- Stampa articolo



Mons. Machado: i cristiani dell'Orissa vivono nella paura, ma la Chiesa lavora per la riconciliazione



Si sta avvicinando in India il quinto anniversario dell’inizio dei pogrom anticristiani, scoppiati il 25 agosto del 2008 nel distretto di Kandahamal, nello Stato dell’Orissa. I morti furono più di 100, migliaia i feriti e gli edifici distrutti. Ma come è la situazione in questo momento? Debora Donnini lo ha chiesto al vescovo di Vasai e presidente dell’Ufficio per il dialogo e l’ecumenismo della Conferenza episcopale indiana, mons. Felix Anthony Machado:RealAudioMP3

R. - La situazione è abbastanza buona, nel senso che la Chiesa ha lavorato moltissimo per arrivare ad una riconciliazione tra il popolo. Prima di tutto, ha lavorato per ricostruire i cuori della gente; poi ha fatto molto per aiutare la gente che è stata colpita, le persone che avevano perso le loro proprietà, le case, la gente che è stata sradicata dal suo Paese. Anche la Caritas ha lavorato molto; poi tanti altri hanno aiutato per ricostruire materialmente la vita quotidiana della gente.

D. – Dalle notizie che ci sono, però, i cristiani vivono ancora nella paura…

R. – Sì, è vero perché quello che è successo è stato un vero trauma. La gente è povera e vive ancora in questa paura, anche perché questi piccoli gruppi di fondamentalisti incutono ancora paura tra la gente che così si sente in pericolo.

D. – Questi piccoli gruppi di fondamentalisti indù cosa fanno?

R. – Nel 2014 ci saranno le elezioni. C’è una campagna elettorale molto aggressiva da parte di questi fondamentalisti perché vogliono ottenere il potere politico. Per questo motivo si stanno preparando e stanno diffondendo paura tra la gente. Dato che noi, la Chiesa, siamo numericamente in minoranza ed in alcuni luoghi i cristiani sono veramente in minoranza, allora prendono seriamente in considerazione questa paura perché se è successo una volta, potrà succedere ancora; loro pensano questo. Per me non è possibile che lo possano fare ancora – e spero che non lo faranno – ma nessuno può saperlo perché con questa aggressività con la quale fanno la campagna elettorale per il 2014, la gente ha paura. I cristiani che si trovano nelle città, in quei luoghi dove il cristianesimo ha una sostanziale maggioranza non sentono questa paura. Quindi, questo non vale per tutti i cristiani in India. Noi però siamo molto dispiaciuti perché i nostri fratelli e sorelle più poveri sono trattati così e vivono in questo dramma della paura.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá