HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-08-22 15:57:11
A+ A- Stampa articolo



Si è concluso il pellegrinaggio dei giovani cattolici di lingua ebraica sulle orme di San Paolo



Si è concluso lunedì a Roma il pellegrinaggio de "I fiori del deserto", un gruppo giovanile cattolico di lingua ebraica. I ragazzi hanno ripercorso i passi dell'apostolo Paolo fino a Roma e hanno poi fatto ritorno in Israele. Davide Pagnanelli ha sentito Benedetto di Bitonto, il seminarista che li ha accompagnati, sull'esito dell'iniziativa e sull'interessante mondo della pastorale in lingua ebraica: RealAudioMP3

R. – La prima difficoltà è proprio quella linguistica, perché noi ci troviamo a svolgere un lavoro pastorale in una lingua che non è nata per rispondere alle esigenze del cristianesimo: la lingua ebraica è una lingua assolutamente funzionale alla mentalità, alla cultura ed anche alla religione ebraica. Da 60 anni a questa parte, quindi, la comunità è impegnata in una traduzione o in una versione in ebraico di tutto ciò che ha a che fare con la fede cristiana cattolica. Siamo costretti a coniare noi alcuni termini, per rispondere alle nostre esigenze. La difficoltà, forse, può essere quella di costituire un gruppo di minoranza, all’interno della minoranza cristiana. Siamo una comunità molto, molto piccola e i nostri fratelli sono tutti arabi e quindi hanno già una tradizione che conta svariati secoli. Noi siamo piccoli, pochi e anche giovani.

D. – Quali sono i vostri rapporti con la Chiesa araba?

R. – I rapporti sono molto fraterni. Io sono seminarista nel Patriarcato latino, che è tutto arabo: vi studiano giovani per la maggior parte giordani, ma poi anche palestinesi o arabi della Galilea. Abbiamo un rapporto molto, molto buono.

D. – Parlaci del gruppo giovanile “I fiori del deserto”. Cos’è e quando è nato?

R. – “I fiori del deserto” sono nati tre anni fa, in preparazione alla Giornata mondiale della gioventù di Madrid. Mi fu chiesto, insieme a padre Apollinari, di cominciare a coagulare i giovani sparpagliati nelle nostre piccole comunità. Noi siamo sparsi in sette diverse comunità e da questi incontri mensili, che abbiamo fatto in preparazione di Madrid, è venuto fuori un gruppo molto bello, fresco, fraterno, con il desiderio di continuare. Di ritorno da quell’esperienza, quindi, abbiamo rilanciato la proposta di continuare un cammino fisso, sempre a scadenze mensili, e i ragazzi hanno accettato. Nel corso dei mesi se ne sono aggiunti sempre altri, per cui oggi contiamo un numero di giovani che varia dai 20 ai 25, forse anche 30. Lo scopo è quello di continuare a stare insieme e di rafforzarci nella fede. Per molti di loro, infatti, questa esperienza di gruppo, una volta al mese, è l’unico modo che hanno per consolidare la propria identità e la propria fede cristiana. Noi cerchiamo alla fine di ogni percorso annuale di proporre loro un’esperienza all’estero e quest’anno, nell’Anno della fede, ci sembrava opportuno ripercorrere il cammino degli apostoli, che da Gerusalemme sono venuti ad offrire la loro vita per il Vangelo, nella grande capitale mondiale che era Roma.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá