HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-08-29 12:38:15
A+ A- Stampa articolo



Congo. Appello alla pace del vescovo di Goma: lasciateci vivere!



“In nome di Dio, lasciateci vivere!”: è un appello accorato, ripetuto per tre volte e rivolto “ai responsabili ed alle autorità” quello lanciato da mons. Théophile Kaboy, vescovo di Goma, nella Repubblica Democratica del Congo. In un messaggio diffuso in questi giorni, il presule si sofferma sulla drammatica situazione del Nord Kivu, dove continuano gli scontri tra le forze governative e i ribelli del “Movimento del 23 marzo” (M23), delineando un scenario tragico: vittime, sfollati, diritti umani violati, bambini costretti ad arruolarsi nei gruppi armati, donne stuprate. Non solo: mons. Kaboy punta il dito contro tutti coloro che hanno illuso la popolazione con promesse di “un avvenire radioso”, in nome di “ideologie e false ambizioni” e ribadisce che “la gente non ha bisogno di assistere ai giochi politici come se fosse spettatrice di una messa in scena teatrale”. È tempo, allora, sottolinea il vescovo di Goma, di “impegnarsi per la pace totale”, così da “costruire un mondo più bello di prima”. Di qui, l’esortazione a “raddoppiare gli sforzi nella preghiera” ed a “non cadere nella trappola di coloro che vogliono creare il caos totale, attaccando cittadini pacifici”. Infine, il presule ricorda che “siamo tutti fratelli” ed invita tutte le parti in causa a “prendere sul serio le risoluzioni già stabilite per raggiungere la pace”, così da “privilegiare gli interessi dell’intera nazione”. (A cura di Isabella Piro)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá