HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-08-29 15:33:04
A+ A- Stampa articolo



Il card. Calcagno a Collemaggio: "Non si può invocare la misericordia di Dio e vivere come se Lui non ci fosse"



“Non si può invocare la misericordia e la giustizia di Dio e vivere come se Lui non ci fosse”. È il monito lanciato dal card. Domenico Calcagno, presidente dell'Amministrazione del patrimonio della Sede apostolica, nell’omelia pronunciata in occasione della Messa di apertura della porta santa di Collemaggio, a L’Aquila. Richiamando il significato della Perdonanza celestiniana, istituita da Celestino V il 29 agosto 1294, “tempi difficili per le tensioni in ambito civile e anche all’interno della Chiesa, non diversamente da quanto accade oggi” - riferisce l'agenzia Sir - il delegato pontificio ha spiegato: “L’evento giubilare è un atto religioso della Chiesa che si rivolge a Dio, affinché per la sua misericordia” voglia “concordare i doni spirituali che gioveranno alla vita futura. È il dono dell’indulgenza chiesta alla misericordia di Dio per la purificazione delle pene meritate con il peccato”. Naturalmente, ha precisato Calcagno, “perché la misericordia di Dio possa purificare il cuore nostro e colmarlo di grazia, occorre che noi ascoltiamo la voce del Signore e lo seguiamo”. Di qui l’avvertimento del cardinale: “Ascoltare la parola di Dio e seguire Gesù comporta innanzitutto la conversione del cuore. Non si può invocare la misericordia e la giustizia di Dio e vivere come se Lui non ci fosse, facendo il male e provocando sofferenze”. (R.P.)

Bollettino del Radiogiornale della Radio Vaticana Anno LVII no. 241




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá