HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-08-29 14:28:07
A+ A- Stampa articolo



Un calice per Papa Francesco con i colpi di scalpello di 7 milioni di argentini



Un lingotto di un chilo e mezzo d’argento già sagomato dai colpi di circa 7 milioni di argentini è nelle mani dell’orafo Juan Carlos Pallarols che ha iniziato la lavorazione di un calice che si spera possa essere usato dal Papa, nelle celebrazioni natalizie o per la Solennità dell’Immacolata Concezione, l‘8 dicembre. L’iniziativa è partita ad aprile di quest’anno dallo stesso artista che con il motto: “Uniti incidiamo il calice di Francesco” ha invitato tutti i concittadini a dare una piccola martellata al lingotto che diventerà un omaggio del popolo argentino al primo Papa latinoamericano. Riportato nella capitale argentina pochi giorni fa, il pezzo modellato è stato ricevuto dal Capo del governo della città di Buenos Aires, Horacio Rodríguez Larreta, dal primo vicepresidente Cristian Ritondo e dallo stesso Pallarols. Anche loro hanno dato un piccolo colpo di martello all’opera collettiva intrapresa dall’orefice argentino, membro della nota famiglia di orefici e amico del cardinale Bergoglio. “Siamo orgogliosi di quest’opera fatta dal popolo argentino per il Papa che è uscito dalla nostra amata città, e che sta trasformando il mondo”, ha detto il legislatore capitolino nell’atto con il quale si è chiuso il lungo percorso del lingotto d’argento attraverso le province di Santiago dell’Estero, Catamarca, Tucumán, Buenos Aires, Entre Ríos, Salta e Córdoba – ma anche per altre città del mondo, tra le quali Toronto, Vancouver, New York, Montevideo, Venezia, Milano e Roma. Infatti, il lingotto d’argento donato dai minatori argentini di Santa Cruz è stato presentato al Papa, da Adrian Pallarols, figlio del noto orefice, per essere benedetto, come vuole la tradizione, insieme alla bozza del progetto, il 17 marzo scorso a Roma. Da allora è iniziato il suo percorso a colpi di scalpello che secondo l’orefice sono stati calcolati da un sensore che registra anche le martellate più delicate date al metallo da ogni persona. Il disegno di Adrian Pallerols, prevede tra le decorazioni: l’immagine della Madonna di Lujan, patrona dell’Argentina; le rose per rappresentare Santa Teresa; la sagoma del Sudamerica e lo stemma nazionale dell’Argentina. Il calice avrà incastonata anche una pietra di rodocrosite donata dai minatori di Catamarca. All’interno sarà bagnato in oro e le sue dimensioni sono di 26 centimetri di altezza, 15 di diametro alla base, 9 al bordo, insieme alla patena di 15 centimetri di diametro che riporta l’immagine della Vergine Desatanudos (“Sciogli nodi”), devozione mariana promossa in Argentina dall’allora cardinale Bergoglio. Infine, nella parte liscia della base, si legge il motto di Papa Francesco: Miserando atque eligendo. (A cura di Alina Tufani)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá