HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Scienza ed Etica > notizia del 2013-08-31 15:51:13
A+ A- Stampa articolo



Un'organoide cerebrale dalle staminali adulte. Don Colombo: passo nella giusta direzione



Ha suscitato vasta eco lo studio, pubblicato sulla rivista “Nature”, che ha ottenuto la creazione, in vitro, di un modello del cervello umano. La piccola struttura (del diametro di 4 millimetri), creata grazie a cellule staminali adulte, servirà per esperimenti volti a sconfiggere alcune patologie che colpiscono l’encefalo. Alcuni hanno parlato addirittura della creazione di un “mini-cervello”. Massimiliano Menichetti ha raccolto il commento di don Roberto Colombo, bioeticista, docente all'Università Cattolica di Roma:RealAudioMP3

R. – Al contrario dei trionfalistici annunci di alcuni mass media non si tratta della creazione, per la prima volta, di un cervello in laboratorio, ma della costruzione di quello che gli studiosi chiamano un “organoide cerebrale”, cioè una copia incompleta e imperfetta, che serve da modello per lo studio dello sviluppo del cervello umano. In questo modello sono presenti alcuni abbozzi di regioni cerebrali, come la corteccia, le meningi, il plesso coroideo, ma mancano altri, quali per esempio l’ippocampo… Lo scopo di questo importante studio è di poter affrontare con un modello nuovo e più efficiente la ricerca su alcune malattie genetiche neurologiche, cioè che riguardano lo sviluppo del cervello e che possono, in questo modo, essere studiate in vitro; oppure per produrre un modello, per attestare nuovi farmaci attivi sul sistema nervoso centrale.

D. – Questo modello è stato ottenuto, utilizzando delle cellule staminali adulte riprogrammate. Quindi, un buon risultato...

R. – Si tratta di un notevole risultato proprio perché la comparazione tra l’organoide derivante da cellule di soggetti normali e quello derivante da cellule di soggetti affetti da una malattia, chiamata microcefalia, è stato ottenuto utilizzando cellule staminali pluripotenti indotte, derivate dalla pelle del paziente. Questo mostra come queste cellule siano dotate di una notevole plasticità, che le rende idonee per la generazione di tessuti dell’organismo umano.

D. – Ancora una volta, quindi, si ribadisce il buon esito dello studio sulle cellule staminali adulte rispetto alle cellule staminali embrionali, che vuol dire uccidere una vita...

R. – I primi tentativi che hanno condotto a questo esperimento, che sono stati pubblicati nel maggio scorso, erano stati ottenuti utilizzando cellule staminali embrionali, cioè attraverso un processo moralmente inaccettabile. Occorre, dunque, come sempre nella ricerca, saper trovare una strada scientificamente valida, ma anche pienamente rispettosa dell’uomo sin dal suo concepimento.

D. – Questo ultimo rapporto, invece, fa vedere come esista una scienza percorribile e assolutamente valida...

R. – Scegliere una via eticamente accettabile non significa rinunciare alle prospettive della ricerca scientifica, anche la più avanzata, ma ricordare che ogni ricerca umana è finalizzata al bene dell’uomo e che non può mai utilizzare l’uomo come mezzo, infliggendogli la morte.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá