HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-09-05 16:03:59
A+ A- Stampa articolo



I vescovi argentini: dolore per la mancata applicazione della legge sui diritti degli indigeni alle terre



La Chiesa argentina ha denunciato la mancata trasparenza nell’applicazione della legge sul riconoscimento della proprietà terriera alle comunità indigene, messa in evidenza dal contrasto tra il basso livello di esecuzione della norma e l’elevato uso delle risorse assegnate per i progetti di sviluppo. In conferenza stampa, mons. Jorge Eduardo Lozano, vescovo di Gualeguaychú, presidente della Commissione episcopale della Pastorale Sociale, insieme a mons. Fernando Maletti, vescovo di Merlo-Moreno e membro della Commissione episcopale per la Pastorale Aborigena, ha presentato un rapporto di verifica dell’attuazione della legge 26.160, sancita nel 2006, sulle assegnazioni dei titoli di proprietà terriera alle comunità indigene. Nel suo intervento mons. Lozano ha sottolineato che i popoli originari dell’Argentina sperano da molto tempo che giustizia sia fatta e possano vedere i loro diritti riconosciuti. La norma in questione prevedeva che, indipendentemente dalle persone o dalle figure giuridiche che apparivano nei titoli di proprietà iscritte nel Registro statale, i popoli aborigeni potessero avere il riconoscimento della proprietà terriere da loro tradizionalmente occupate. Inoltre, la legge stabiliva la sospensione degli sfratti e l’assegnazione di 60 milioni di pesos (circa 8 milioni di euro) all’Istituto Nazionale di Affari Indigeni (INAI) per l’attuazione delle norme in collaborazione con i governi provinciali. Lo studio presentato dall’episcopato denuncia che dal 2009 l’INAI non ha presentato alcun rapporto sull’esito dei programmi e l’uso delle risorse stabilite dalla legge, e smentisce che il programma di riconoscimento delle terre sia stato compiuto per un 40 per cento. Secondo lo studio della Commissione pastorale, a sei anni della promulgazione della legge, è stato fatto solo un 12, 48 per cento, il che significa, secondo il documento, che ci “vorrebbero circa 40 anni per concludere il lavoro”. I ritardi più gravi si sono presentati nelle province di Salta, Jujuy, Formosa, Chaco e Neuquén, dove risiede il 65% delle comunità indigene del Paese, perché il programma di rilevamento delle proprietà arriva solo a un 4,11 %. Nonostante ciò, secondo l’ente pubblico sono stati impiegati circa il 76 % cento delle risorse assegnate dallo Stato. “Siamo perplessi per la freddezza con la quale lo Stato ha assunto questo impegno nei confronti dei diritti universalmente riconosciuti dei nostri fratelli indigeni” ha detto mons. Maletti nell’esprimere anche dolore perché a pagare sono sempre i più poveri e deboli. “Le terre indigene non possono continuare a essere terre di sfratto, di repressione e di morte” hanno affermato i membri delle Commissioni episcopali di Pastorale sociale e aborigene che hanno chiesto rapidità nelle pratiche di assegnazione delle proprietà e trasparenza nell’utilizzo delle risorse. (A cura di Alina Tufani)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá