HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-09-06 11:29:47
A+ A- Stampa articolo



Comece, disoccupazione giovanile: promuovere talenti personali e rinnovare modelli educativi



“Sono i giovani la soluzione!”: questa l’affermazione emersa dalla conferenza tenutasi a Bruxelles dalla Comece (Commissione degli Episcopati della Comunità Europea) per rispondere alle domande dei ragazzi e far fronte alle loro esigenze, in particolare nel settore dell’occupazione. L’appuntamento, sostenuto dagli eurodeputati Thomas Mann e Patrizia Toia, è stato realizzato in collaborazione con la Fondazione Konrad Adenauer Stiftung e con Don Bosco International. “I giovani – si legge nel comunicato finale dei lavori – vogliono che l’Unione Europea affronti la questione della disoccupazione non per loro, ma con loro, perché si vedono come protagonisti della soluzione al problema”. Di qui, il richiamo alla partecipazione dei ragazzi nella vita sociale e nelle decisioni politiche, affinché i loro talenti personali possano venire valorizzati, anche grazie ad un “rinnovato modello educativo” ed al sostegno per la loro “creatività ed attività imprenditoriale”. Anche perché, come sottolineato da mons. Juan José Omella, vescovo di Calahorra e Calzada-Logroño, in Spagna, “la disoccupazione giovanile è il sintomo di un’economia di mercato che non funziona”, ovvero che guarda solo “ai principali profitti e in cui prevale la speculazione”. Di qui, la necessità di insistere sulla formazione dei ragazzi, sia a livello tecnico che accademico, sia per quanto riguarda l’acquisizione di capacità interculturali, fondamentali nel caso di mobilità lavorativa. “L’educazione è una questione ‘di cuore’ – ha aggiunto il salesiano padre Giovanni D’Andrea – ovvero una trasmissione di valori che deve abbracciare formazione e informazione, competenze e valori per forgiare uomini e donne che poi saranno cittadini e professionisti”. In questo senso, l’incontro della Comece ha messo in luce l’importanza di “responsabilizzare i giovani nel diventare cittadini attivi”, così da “salvaguardare la stabilità dei sistemi politici nel lungo periodo”. Quindi, la conferenza si è conclusa con un appello ai ragazzi a far sentire la loro voce, soprattutto in vista delle elezioni parlamentari europee, fissate per il maggio 2014. (A cura di Isabella Piro)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá