HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-09-06 13:30:40
A+ A- Stampa articolo



Egitto: alta tensione per le anticipazioni sullo scioglimento dei Fratelli Musulmani



In Egitto ieri nuove manifestazioni del fronte islamico contro il governo militare ad interim. La protesta è scoppiata in diverse città del Paese e ha provocato tre vittime, tra cui una bambina, e diversi feriti. Scontri anche nella capitale, dove migliaia di islamisti hanno ostacolato il traffico intorno alla piazza di Giza. Un civile inoltre è deceduto ieri in seguito alle ferite riportate nell'attacco condotto giovedì al Cairo contro il convoglio del ministro degli Interni e in cui erano rimaste ferite 21 persone. Intanto sembra essere imminente lo scioglimento dei Fratelli Musulmani ai quali verrebbe revocata la registrazione come Organizzazione non governativa. Su questo, al microfono di Giancarlo La Vella, il commento di Maria Grazia Enardu, docente di Storia delle Relazioni Internazionali all’Università di Firenze:RealAudioMP3

R. - Potrebbe provocare un momento di collera della base del movimento, che, non solo ha avuto settimane estremamente travagliate, ma in questo momento in pratica è senza leadership: i capi, naturalmente anche il presidente deposto Morsi, di cui non si sa più nulla, sono quasi tutti in galera. Questo rende il movimento senza guida e quindi più instabile, ma anche meno motivato.

D. – Una decisione del genere come si sposa con il processo democratico che il Paese dovrebbe fare, secondo l’auspicio di molti osservatori?

R. – Certo nessun governo democratico, compreso quello dei militari, dovrebbe mettere fuorilegge un movimento che ha fatto ampissima professione di democrazia. È anche vero che quello tra militari e Fratelli Musulmani è un rapporto aspro, che va avanti da 50 anni, ognuno sta un po’ ricadendo nelle vecchie abitudini ed è sicuro che sia i militari, sia il movimento dei Fratelli dovranno cambiare atteggiamento. Avranno entrambi bisogno di una nuova leadership, perché la leadership dei Fratelli di oggi, in galera, o libera, ha fallito con le promesse, ha fallito il programma, ha deluso tutti compresi i propri sostenitori. C’è bisogno, insomma, di una nuova guida.

D. – L’Egitto ha a che fare non solo con le proteste di piazza, ma ora anche con gli attentati. Quello recente al ministro dell’interno è stato condannato da larga parte della società egiziana, anche da parte musulmana. Vuol dire che stanno operando altri organismi all’interno dell’Egitto?

R. – L’Egitto è un Paese estremamente complicato e l’attentato è stato condannato da un amplissimo fronte islamico, compresi i Fratelli. Anche l’Egitto è terreno di manovre che provengono dall’esterno; quella dei gruppi sauditi tanto per dirne una. Quindi, attribuire la paternità dell’attentato sarà estremamente difficile e sarà sempre oggetto di grande discussione.

Ultimo aggiornamento: 7 settembre




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá