HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-09-06 15:10:44
A+ A- Stampa articolo



Uccisa scrittrice indiana che raccontò gli orrori dei talebani



I talebani afghani hanno smentito ogni coinvolgimento nell'omicidio della scrittrice indiana, Sushmita Banerjee, avvenuta giovedì nell'est del Paese. "Respingiamo le accuse su un coinvolgimento dei nostri mujahedin nell'uccisione della donna indiana - ha detto il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, all'agenzia Dpa - Non sappiamo chi siano i colpevoli". Sushmita Banerjee, 49 anni, divenuta famosa per la sua autobiografia “Kabuliwalar Bangali Bou” in cui ha raccontato la sua vita nel Paese asiatico con il marito e la drammatica fuga dai talebani avvenuta nel 1995, è stata assassinata con un colpo alla testa fuori dalla sua casa a Kharana, nella provincia di Paktika. Un gruppo armato ha fatto irruzione nella sua casa, ha legato il marito e un altro familiare, l'ha portata in strada dove la donna è stata uccisa. Il suo corpo è stato poi gettato vicino a una scuola religiosa. La scrittrice, sposata con Jaanbaz Khanun uomo d’affari afgano, era tornata di recente nel paese per poter vivere con lui, faceva l’operatrice sanitaria a Paktika e aveva filmato la vita di alcune donne locali per il suo lavoro. Il suo libro, è diventato anche un film nel 2003 con il titolo di “Escape from Taliban”. (M.T.)





Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá