HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-09-06 15:04:39
A+ A- Stampa articolo



Veglia di pace per la Siria: il mondo si unisce all'appello di Papa Francesco



Continua a raccogliere consensi e adesioni in tutto il mondo l’iniziativa di Papa Francesco di indire, questa sera, una Veglia di preghiera e di digiuno per la pace in Siria e nel mondo. Il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I ha lanciato un suo appello ai leader mondiali riuniti per il G20 a San Pietroburgo, in Russia, perché favoriscano “una soluzione negoziale e non militare del conflitto siriano”. Anche in Pakistan la veglia del Papa ha raccolto consensi nella comunità musulmana: già ieri l’Islamic Ideology Council ha organizzato una marcia per la pace in Siria con il movimento Sunni Tehrik, mentre il vescovo di Islamabad-Rawalpindi, mons. Rufin Anthony, ha pubblicamente invitato le persone di tutte le fedi a unirsi all'iniziativa, condannando “l’uso di armi chimiche e la perdita di vite innocenti”. Sulla stessa linea anche il cardinale Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai, in India, e presidente della Conferenza episcopale locale, che oggi guiderà dalla sua città una preghiera speciale con tutto il clero e i fedeli dell’arcidiocesi. Sempre in India, mons. Felix Machado, vescovo di Vasai e presidente della commissione per il Dialogo ecumenico e interreligioso della Federazione delle Conferenze episcopali dell’Asia testimonia che l’invito del Papa è stato accolto con gioia dai cristiani del Paese (tanto più che sarà la vigilia della festa della Natività di Maria, cui i fedeli indiani sono particolarmente legati) e si è esteso agli indù, che oggi pregheranno per la pace nei loro templi. L’organizzazione iraniana Iran Rights Watch, che condanna la guerra come “un’avventura senza ritorno”, invita i cittadini iraniani in tutto il mondo a pregare in forma comunitaria o personale per la pace in Siria, con una particolare intenzione di solidarietà con il popolo siriano. Anche l’Africa risponde all’appello del Santo Padre: nel Mali uscito dalla sua guerra, in Gabon, dove i vescovi esporranno il Santissimo per l’intera giornata, e in Sudafrica, dove si sollecita la preghiera anche attraverso i social network. Oltreoceano, i vescovi del Canada hanno in programma due giornate di preghiera, una oggi in comunione con piazza San Pietro, e una il 14 settembre; e adesioni arrivano anche dalla Conferenza episcopale dell’Uruguay e della Bolivia, dove le comunità si riuniranno in parrocchie e diocesi dalle 13 alle 19 ora locale. Importanti anche le adesioni dal mondo laico e dell’associazionismo: Medici con l’Africa Cuamm proporrà una “catena d’impegno per la pace che unisca tutti gli uomini e le donne di buona volontà per dire ‘Mai più la guerra!’”, mentre l’Opera di promozione dell’alfabetizzazione nel mondo (Opam) invita a innalzare forte il grido della pace contro le guerre più dimenticate del pianeta. Infine, anche il Seraphicum sarà presente, sia spiritualmente sia in piazza San Pietro, dove accorrerà una delegazione dei Frati minori conventuali della comunità, sia docenti e studenti della facoltà Europa 2010; mentre il Servizio missionario giovani (Sermig) si riunirà nell’Arsenale della Pace con l'arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia. (A cura di Roberta Barbi)

Ultimo aggiornamento: 7 settembre




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá