HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-09-09 12:46:29
A+ A- Stampa articolo



Papa Francesco: garantire diritti economici e sociali ai lavoratori delle miniere



Diritti dei lavoratori, protezione dell’ambiente, bene comune, armonia di interessi. Questi i temi del Messaggio del Papa in occasione della Giornata di riflessione sulle questioni ambientali e sociali legate al settore dell’industria mineraria mondiale, promossa dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace e svoltasi sabato scorso a Palazzo San Calisto. Presenti i dirigenti delle più importanti compagnie minerarie, rappresentanti della Chiesa cattolica ed esponenti di varie realtà legate al settore. Il servizio di Giada Aquilino:RealAudioMP3

Un “processo decisionale nuovo e più consapevole”, nel rispetto dei diritti dei lavoratori, per “non ripetere i gravi errori del passato” riguardo alle questioni ambientali e sociali legate al settore dell’industria mineraria mondiale. È l’auspicio di Papa Francesco nel Messaggio, a firma del cardinale Tarcisio Bertone.

Nel testo, indirizzato al presidente del dicastero, il cardinale Peter Turkson, il Pontefice - salutando sia i partecipanti, tra cui i dirigenti delle principali compagnie minerarie internazionali, sia gli operai e le loro famiglie, i sindacati, le comunità locali e gli Stati in cui si trovano le risorse minerarie, in particolare in Africa e nei Paesi in via di sviluppo - ha sottolineato la crucialità dell’incontro, a cui hanno preso parte cristiani, fedeli di altre religioni e non credenti: “è la prima volta - ha scritto il Papa - che dirigenti dell’industria mineraria” si sono ritrovati, vicino al Successore di Pietro, “per riflettere sull’importanza delle loro responsabilità nei confronti dell’uomo e dell’ambiente”. Obiettivo: “un serio esame di coscienza sul da farsi affinché l’industria mineraria possa offrire un positivo e costante contributo allo sviluppo umano integrale”.

Secondo i dati forniti dall’ufficiale responsabile delle questioni ambientali del dicastero, Tebaldo Vinciguerra, tale industria assicura tra il 10 e il 20% della ricchezza mondiale, coinvolgendo soprattutto in America Latina, Africa e Asia almeno 2,5 milioni di persone a livello ufficiale. Stime più ampie parlano di 15 - 20 milioni di persone occupate nel settore, anche in situazioni non sempre legali, con fenomeni di criminalità, corruzione, sfruttamento minorile, inquinamento e violenze, pure nei confronti di missionari e vescovi che, ricorda il Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, sono stati nel tempo minacciati o uccisi, perché schieratisi a fianco delle popolazioni delle zone minerarie che chiedevano una più equa distribuzione delle ricchezze.

“Non sempre senza motivo - ha infatti aggiunto Francesco - l’attività delle industrie estrattive è vista come uno sfruttamento ingiusto delle risorse naturali e delle popolazioni locali, ridotte, a volte, addirittura in schiavitù e costrette a spostarsi, abbandonando le loro terre d’origine”. Ciò implica questioni etiche complesse, “difficili da risolvere con una risposta unica”, e ricorda “la serietà” con cui ogni azione umana deve essere intrapresa. “L’attività estrattiva, come anche altre attività industriali, ha conseguenze ecologiche e sociali che - ha notato il Papa - vengono trasmesse da una generazione all’altra”.

D’altra parte, si legge ancora nel Messaggio, guardando a ciò che è successo in passato, “oggi le decisioni non vanno prese solo in base a prospettive geologiche o in vista dei profitti economici degli investitori e degli Stati in cui sono insediate le aziende”: Francesco ha ricordato che “è indispensabile” e “inevitabile” tenere presente “la complessità dei problemi in questione in un contesto di solidarietà”, garantendo “ai lavoratori i diritti economici e sociali, nel pieno rispetto delle norme e delle direttive dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro”.

Per quanto riguarda la protezione dell’ambiente, poi, “è indispensabile che le attività estrattive rispettino gli standard internazionali”. La grande sfida per i dirigenti d’azienda, rammenta il Santo Padre, è quella di “creare un’armonia tra gli interessi, che tenga conto delle esigenze degli investitori, dei manager, dei lavoratori, delle loro famiglie, del futuro dei figli, della preservazione dell’ambiente a livello regionale e internazionale e che costituisca, al contempo, un contributo alla pace mondiale”. Dunque, “numerose” sono le sfide, da affrontare ispirandosi a “principi morali che mirano al bene” di tutti. “Questo - ha concluso il Pontefice - permetterebbe ai leader delle imprese minerarie di affrontare le difficoltà che si presentano con un’attenzione speciale nei confronti dei minatori e delle loro famiglie, delle popolazioni locali e dell’ambiente, della solidarietà internazionale e intergenerazionale”. In tale contesto, le Chiese locali sono chiamate a collaborare “con i dirigenti delle imprese minerarie così da aiutarli a sviluppare una visione sempre più completa della questione”.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá