HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-09-09 08:30:57
A+ A- Stampa articolo



Parlamentari in Australia. Si afferma la Coalizione Nazional Liberale di Tony Abbott



In Australia il risultato delle politiche, che si sono svolte nel fine settimana, ha sancito la vittoria della Coalizione Nazional Liberale di Tony Abbott. Il gruppo si è aggiudicato 86 dei 150 seggi della Camera, mentre i laburisti, dopo sei anni di governo, hanno ottenuto 57deputati. Il servizio di Stefano Vergine:RealAudioMP3

“D'ora in poi saremo un paese più aperto agli affari”. Così Tony Abbott, neo premier australiano, ha descritto la nazione che ha in mente. Nel discorso pronunciato dopo la vittoria elettorale, il 55enne leader conservatore ha voluto ricordare quali sono gli obiettivi più importanti del suo governo, ancora in attesa di essere formato mentre il conteggio delle schede al Senato continua. In cima alla lista delle promesse c'è la cancellazione della tassa sulle emissioni di anidride carbonica. Si tratta di una tassa particolarmente odiata dalle compagnie minerarie, che dell'economia australiana costituiscono la spina dorsale. Insomma, il nuovo capo del governo ha ribadito il suo impegno a favore delle imprese, con buona pace degli ambientalisti che ricordano come il Paese sia in cima alla classifica mondiale per emissioni inquinanti pro capite. Tra gli obiettivi da raggiungere nei prossimi tre anni di governo, Abbott ha citato poi il taglio della spesa pubblica, gli investimenti in infrastrutture e lo stop alle barche cariche di richiedenti asilo. Abbott ha dedicato buona parte della campagna elettorale al tema dei richiedenti asilo che giungono in Australia via Indonesia. Fermeremo le barche, ha ribadito anche dopo la vittoria elettorale, pur consapevole che l'Agenzia dell'Onu per i rifugiati ha già ampiamente criticato il suo piano di respingimento delle persone che arrivano in Australia via mare in cerca di asilo. Al centro sinistra, alla fine, per vincere non è bastato rincorrere la destra sul tema dell'immigrazione. La sconfitta è stata netta, con una differenza di oltre 30 parlamentari alla Camera, per questo l'ormai ex premier Kevin Rudd ha deciso di lasciare la leadership del partito, aprendo lo scontro interno per la successione. Sulla politica estera Tony Abbott non si è ancora espresso. L'alleanza con Stati Uniti e Gran Bretagna sembra scontata, così come appare la dipendenza economica dalla Cina. Il primo appuntamento utile per capire come cambierà la politica estera di Canberra sarà il prossimo consiglio di sicurezza dell'Onu, di cui l'Australia è da poco diventata presidente.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá