HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-09-09 14:07:38
A+ A- Stampa articolo



Vietnam: centinaia di migliaia di fedeli hanno digiunato per la pace in Siria



I cattolici vietnamiti hanno risposto in massa all'appello del card Jean Baptist Pham Minh Man, unendosi a Papa Francesco e ai cattolici di tutto il mondo per la giornata di preghiera e digiuno per la pace in Siria di sabato scorso. Le 200 parrocchie di Ho Chi Minh City - quasi 700mila in totale - hanno organizzato in tempi e modi diversi veglie e orazioni "per le aree teatro di un conflitto". Inoltre, su indicazione dell'arcivescovo si è tenuta "l'ora di Adorazione eucaristica e di preghiera per la pace" dalle 7 alle 8 di sera. Alla Veglia di digiuno e preghiera per la pace in Siria, nel Medio Oriente e nel mondo, papa Francesco ha chiesto a tutti, cristiani, membri di altre religioni e persone di buona volontà di essere strumento di riconciliazione e di pace. Nella folla che riempiva la piazza vi erano cristiani e musulmani e come a San Pietro, in tutto il mondo le "persone di buona volontà" si sono unite al Pontefice nel "grido di pace". Per la Giornata di preghiera si è mobilitata anche la Caritas di Saigon, come racconta suor Lan: "Abbiamo pregato tutti assieme, in spirito di penitenza, per chiedere a Dio la benedizione e la pace per la Siria e il popolo di quel Paese". Jospeh Hung, uno dei molti volontari dell'ente cattolico a Ho Chi Minh City aggiunge che "i vietnamiti hanno sperimentato a lungo la guerra" e per questo apprezzano ancor più la pace. "Non vogliamo - aggiunge - che tutto questo accada ancora in un'altra nazione". Suor Teresa invoca pazienza e preghiera quotidiane e invita a confidare "nella Provvidenza divina". "Ci rivolgiamo alla Vergine Maria per la pace in Medio oriente e in Sira - aggiunge la religiosa - e non dimentichiamo mai di pregare la Madonna perché fermi crimini e terrorismo". Nel suo messaggio ai fedeli il cardinale di Saigon ha confermato l'importanza del "dialogo" perché venga fatta giustizia a beneficio di tutti. Il porporato auspica un lavoro comune fra "persone di buona volontà per costruire una cultura della vita e una civiltà dell'amore", non solo in Vietnam ma in tutto il mondo. È necessario ridurre le ingiustizie nella società e "cancellare le tracce" di quanti affermano una "cultura della morte". (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá