Logo Radio Vaticana Radio Vaticanawww.radiovaticana.va
One-O-Five live

RSS PODCASTRSS TEXT
Come AscoltareCome Ascoltare
Chi Siamo


Home > notizia del 2013-09-11 16:48:22
A+ A- Drucken Share on Facebook Tweet this Follow us on Twitter



Con la sua Lettera a Scalfari il Papa conferma il cammino del 'Cortile dei gentili'




RealAudioMP3 "Mi sembra che questo testo possa diventare, per certi versi, una sorta di manifesto del Cortile dei Gentili, per i contenuti ma anche per il metodo del dialogo stesso". Lo afferma il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, commentando la Lettera di Papa Francesco a Eugenio Scalfari, pubblicata oggi dal quotidiano La Repubblica. "Nel testo - aggiunge il porporato - c’è una frase emblematica, che abbiamo continuato a testimoniare anche attraverso gli incontri del Cortile che sono stati fatti finora: “Il credente non è arrogante, ma umile”. E, soprattutto, c'é la presentazione della fede come luce e non come tenebra misteriosa, che permette poi l’accusa di oscurantismo. Penso che la lettera del Papa sia anche il più alto patrocinio all’incontro del Cortile dei Gentili che il 25 di settembre faremo nel Tempio di Adriano a Roma, con il dialogo che condurrò proprio con Eugenio Scalfari". "Direi - aggiunge Ravasi - che questo testo del Papa sia un sorta di avallo solenne e ulteriore a quel punto di partenza che era stato dato da Benedetto XVI, il quale con intensità ha sempre sostenuto con particolare passione il Cortile. Ora, Benedetto XVI 'idealmente' passa anche in questo caso il testimone a Papa Francesco che ha intuito e ha centrato lo spirito fondamentale del Cortile". Tra le affermazioni più profonde del testo c'è l'affermazione di Papa Francesco che "la verità non è assoluta, ma è una relazione". "Questo non essere assoluto – spiega il card. Ravasi – è il significato vivente della verità. La verità di sua natura ci precede e ci eccede, e noi siamo pellegrini in essa. Quindi, abbiamo bisogno di una relazione con la verità che ci circonda. Per il credente, evidentemente, è il divino, è il trascendente. Per il non credente è proprio questo immenso orizzonte nel quale si cammina. Già Platone lo affermava quando diceva che la biga dell’anima, il cocchio dell’anima, corre nella pianura della verità, cioè la verità non è una realtà fredda come una pietra preziosa che tu metti in tasca. È invece una pianura immensa, un orizzonte – o per usare un’altra immagine di uno scrittore del secolo scorso – possiamo dire che la verità è un mare nel quale si entra e si naviga. Ecco, in questa luce credo che l’espressione verità non assoluta, ma personale, interpersonale, sia molto fruttuosa per il dialogo, senza per questo perdere in sé la dimensione di oggettività, di identità in sé stessa, tipica della verità". (A cura di Fabio Colagrande)