HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-09-12 13:51:56
A+ A- Stampa articolo



Confcommercio: aumentano le spese non comprimibili, rischiamo una crisi sociale



"Un aumento dell'Iva colpisce le fasce più deboli e aumenta l'area di assoluta povertà”. Lo ha detto il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, nel commentare i dati sui consumi delle famiglie. A crescere soprattutto i prezzi delle spese incomprimibili. Il servizio di Alessandro Guarasci:RealAudioMP3

Rischiamo il passaggio da una crisi economica a una crisi sociale. Per questo, l’Italia ha bisogno della stabilità politica e di una nuova stagione di riforme che parta da un calo delle tasse a una vera liberalizzazione dei servizi. Per il 2014, il Pil infatti crescere solo dello 0,5% e i consumi saranno ancora in calo dello 0,3%. Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio:

"La ripresa è solo in questo momento un annuncio; le imprese e le famiglie restano ancora in attesa".

Nel 2013, poi le spese per casa, trasporti, assicurazioni e carburanti, sono costate a ogni italiano oltre 6.500 euro a fronte dei 2.700 euro che si spendevano nel 1992. Il direttore dell’Ufficio studi di Confcommercio, Mariano Bella:

"Quando più del 40% – in crescita di 8 punti per cento rispetto a 20 anni fa – del bilancio familiare viene destinato ad affitti, luce, acqua, gas, assicurazioni e carburanti – settori poco liberalizzati, su cui le famiglie non possono agire in temi di scelte – questo riduce fortemente il benessere.

Oramai, il reddito pro capite ha fatto un balzo indietro di 27 anni.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá