HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-09-12 15:38:46
A+ A- Stampa articolo



La Lev presenta due volumi divulgativi sul Catechismo



Presentare in maniera chiara i temi della fede è spesso una difficile sfida. Per aiutare i catechisti, la Libreria Editrice Vaticana ha presentato due volumi: “I want you”, già usato dalla conferenza episcopale brasiliana per la Gmg di Rio de Janeiro, e “Symbolum”, per dare anche ai più giovani un contatto con il catechismo della Chiesa cattolica. Davide Pagnanelli ha ascoltato l’assistente ecclesiastico generale dell’Azione Cattolica, mons. Domenico Sigalini:RealAudioMP3

R. – L’atto di fede esige una parte profonda della ragione e una parte profonda del senso della vita. Uno vuole sapere il perché – razionale – ma il perché razionale non è sufficiente: deve avere un perché che lo motivi. “I want you” si sviluppa di più sul senso. Quest’altro, invece – “Symbolum” – è invece più razionale: da un quadro della situazione dal punto di vista logico. Tu devi sapere cosa vuol dire credere: ci sono questi elementi che sono fondamentali… Mi paiono due testi buoni. Comunque, come sempre, i testi hanno bisogno di un contesto. Dove vai a trovare i giovani per fare catechismo? In piazza? Vai in discoteca? Bisogna trovare degli spazi in cui li puoi aiutare. Dopo che hanno fatto un’esperienza di accoglienza, magari nella comunità cristiana, dopo li aiuti ad approfondire e a fare le proprie scelte.

D. – Secondo la sua esperienza, a che punto è la conoscenza dei temi del catechismo, e comunque della fede cristiana, da parte dei giovani cattolici?

R. – Secondo me, è molto bassa, perché non esistono più spazi in cui si fa uno studio serio, comparato. Esistono forse all’università, ma anche lì c’è la macchina degli esami… Ci sono invece spazi migliori nelle associazioni: io, per esempio, vedo l’Azione Cattolica. Lì c’è uno spazio programmato, due-tre settimane. C’è un testo che ha una visione, c’è un Vangelo, c’è un approfondimento. Però, se io dovessi dire quanti dei miei giovani sanno “Symbolum”, farei fatica a trovarli.

D. – Come entrare, invece, nella vita di chi non crede – sempre parlando di gioventù?

R. – La curiosità artistica, che qui viene espressa molto bene, è anche la curiosità culturale. I bambini di terza elementare ti fanno un sacco di domande su Dio.

Abbiamo poi ascoltato Maria Rosa Poggio, alla quale abbiamo chiesto quali siano state le sfide nel creare libri catechetici per ragazzi:

R. – Essere educatori dei ragazzi significa riuscire a leggere quello che è il patrimonio della fede in modo tale da intercettare le esigenze dei giovani. La difficoltà maggiore è stata proprio questa: rileggere la stessa realtà della fede incarnata attraverso gli occhi dei ragazzi.

D. – Riguardo al libro “I want you”, quali sono le difficoltà che un ragazzo trova nella ricerca della sua strada, che questo libro può aiutare ad affrontare?

R. – Il ragazzo, secondo me, oggi ha l’impressione di non valere moltissimo, proprio dalla mancanza di valore che attribuisce alla sua persona, perché non si sente quasi degno di essere qualcosa, qualcuno, di valere qualcosa. E quindi pare addirittura assurdo che Gesù dica: “Voglio proprio te!”. Questo, secondo me, è il problema più grosso di tutti i ragazzi.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá