HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-09-13 10:48:43
A+ A- Stampa articolo



Il commento di don Ezechiele Pasotti al Vangelo della Domenica



Nella 24.ma Domenica del Tempo ordinario, il Vangelo ci presenta tre parabole sulla misericordia divina: quella del figlio prodigo, della pecora smarrita e della moneta perduta. Gesù dice:

“Vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte, più che per novantanove giusti i quali non hanno bisogno di conversione”.

Ascoltiamo una breve riflessione di don Ezechiele Pasotti, prefetto agli studi nel Collegio Diocesano missionario “Redemptoris Mater” di Roma:RealAudioMP3

Il Signore oggi ci dona una parola che rivela la divina misericordia e la gioia che l’accompagna. I pubblicani e i peccatori accorrono a Gesù, ma chi presume di essere giusto, perché compie la Legge, pur avendone perso il cuore, la misericordia, appunto, non capisce e grida allo scandalo. “Gesù accoglie i peccatori e mangia con loro”. In Israele sedere a tavola con i peccatori è farsi uno di loro. La risposta di Gesù rivela il cuore di Dio. Il Padre sa che, lontano da Lui, nessuna gioia è vera, ed anche quella parvenza di letizia di cui ci si ammanta, sa più di fuga, con il sorriso amaro di ciò che finisce presto e male. Per questo, nella parabola della pecora perduta, il pastore lascia le 99 incustodite nel deserto e si mette alla ricerca di quella smarrita e quando la ritrova, “pieno di gioia, se la carica sulle spalle” e invita gli amici a fare festa. Se questo fa un semplice pastore, cosa non farà il “Pastore grande delle pecore”, Dio, per la “sua pecora” smarrita: ogni donna e uomo che soffre, ogni donna e uomo solo. Proprio perché smarrito, diventa “suo”: che tenerezza in questo “suo”! È davvero la domenica della gioia divina, a cui partecipano anche gli angeli: “Io vi dico, vi è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte “. E tu, vescovo, presbitero, o cristiano che sia, perché aspetti che la pecora ritorni da sola? Non ce la fa: aveva sete e cercando l’acqua di pozzanghera in pozzanghera è caduta nel precipizio! Perché non scendi tu da lei, non te la metti sulle spalle, e la riporti al divino banchetto, la festa preparata apposta per lei?




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá