HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-09-19 16:09:49
A+ A- Stampa articolo



Giornata dell'Azheimer: l'impegno della Fondazione Manuli al fianco dei malati



Questo giovedì è stata celebrata la Giornata mondiale dell’Alzheimer, una malattia che in Italia colpisce circa 70 mila anziani ogni anno e che per questo è definita la peste silente del secolo. La patologia, che interessa la fascia anziana della popolazione, comporta una progressiva perdita di memoria che altera le facoltà cognitive. La Fondazione Manuli Onlus, che da vent’anni si occupa di persone affette da questa patologia, ha presentato oggi l’iniziativa “Due passi nei musei di Milano”, un progetto di arte-terapia per i malati di Alzheimer e per i loro familiari presso tre musei milanesi: Gallerie di Intesa San Paolo, Museo Poldi Pezzoli e Pinacoteca di Brera. Quanti sono oggi i malati di Alzheimer in Italia e come sono curati? Elvira Ragosta ne ha parlato con Ornella Mazza della Fondazione Manuli:RealAudioMP3

R. - Stime recenti ci parlano di 600 mila casi in Italia. Sono 30 milioni i malati stimati nel mondo. La demenza con l’Alzheimer rappresenta la quarta causa di morte negli ultrasessantacinquenni, perché oggi s’invecchia di più. Esistono farmaci che ritardano l’evoluzione della malattia, ma in realtà non esiste ora una cura vera e propria. Bisogna investire sempre di più sulla persona e sulla sua famiglia attraverso le terapie non farmacologiche, quelle terapie cioè che mettono il paziente al centro della cura.

D. - Quali sono i disagi maggiori per un malato di Alzheimer nel suo vivere quotidiano?

R. - Il malato, una volta che ha superato le prime fasi della malattia, in cui ancora c’è comunque una consapevolezza, si chiude nel suo mondo. Chi è più toccato da questo problema è la famiglia, i familiari, che devono accudire questo paziente 24 ore su 24: lentamente poi perdono tutti i rapporti sociali e quindi cadono in un isolamento totale, in una solitudine.

D. - Come può l’Arte-terapia aiutare un malato di Alzheimer?

R. - Attraverso la visione di opere e l’utilizzo di materiali artistici, il paziente può in qualche modo esprimere la sua emozione. Abbiamo visto che l’Arte-terapia può recuperare l’autostima e permette al malato di verbalizzare un qualcosa che non è più in grado di fare con le parole, perché spesso questi pazienti perdono l’uso della parola: attraverso semplicemente un segno può esprimere che c’è!

D. - L’iniziativa “Due passi nei musei di Milano” è il proseguimento di un laboratorio iniziato in primavera: quali sono stati i risultati?

R. - La possibilità di portare questi pazienti in gruppo, ma anche con dei familiari, all’interno delle sale del museo con il supporto dell’arte-terapeuta e l’esperienza che abbiamo fatto nel passato, appunto la primavera scorsa. Si componeva di dieci sedute e in ogni seduta veniva mostrata un’opera, che era stata precedentemente scelta dall’arte-terapeuta, veniva spiegata; dopo di che potevano, con l’ausilio dei materiali artistici, esprimere le loro emozioni. E’ stata veramente un’esperienza bellissima!




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá