HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-09-19 13:53:55
A+ A- Stampa articolo



Il card. Sede: "Napoli, patria amara sull'orlo del collasso"



“Vogliamo essere una Chiesa che non si rifugia nel silenzio, ma 'canta’ sia per esprimere lode e ringraziamento al Signore della vita, sia per dare più voce contro i mali che ci affliggono come l’ingiustizia che si fa sempre più largo e prevale, calpestando la dignità e spesso distruggendo la vita di fratelli e sorelle”. Lo ha detto questo giovedì -riferisce l'agenzia Sir - il card. Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, in occasione della festa di San Gennaro, nell’omelia dopo il prodigioso evento della liquefazione del sangue del protettore della città e della diocesi. “Quanta sofferenza nel mondo e nel nostro popolo! Sofferenza che vediamo, che ascoltiamo, che tocchiamo con mano e che smorza anche la speranza dei più forti, soprattutto dei giovani - ha denunciato il porporato -. È una sofferenza che viene dalla mancanza di lavoro, dalla insufficienza del reddito, dagli egoismi e dalla intolleranza, dalle ingiustizie e dalla prepotenza malavitosa, dalla crudeltà che talvolta diventa ferocia, dalla distruzione dell’ambiente, dalle aggressioni personali, dalle incertezze e inefficienze”. Per il cardinale, “Napoli oggi vive uno dei momenti più difficili e gravi della sua storia. Gli effetti di una crisi, che pure ha origini lontane, sono qui vissuti in maniera drammatica. Per tanti giovani, Napoli è sempre più una patria amara”. “La Chiesa di Napoli - ha sostenuto il card. Sepe - ha dimostrato di saper guardare in faccia la realtà e da essa sono partiti, in più occasioni, segnali di allarme che hanno poi trovato eco più vasta. Penso, in particolare, alla salvaguardia dell’ambiente, un reato, ma anche un vero e proprio 'peccato’, sempre più diffuso in questa società egoista e consumistica”. È “la mentalità del profitto e dell’accaparramento brutale e senza scrupoli che porta alla deriva di una sistematica e vandalica depredazione ambientale: un vero e proprio stupro della natura, pagato a carissimo prezzo dai più poveri, ma che colpisce, attraverso la diffusione di malattie terribili e spesso incurabili, una grande fascia della popolazione”. Per il porporato, “siamo di fronte a varianti diaboliche di quell’unico comparto della violenza organizzata, i cui fronti di attacco alla città sono sempre attivi. Ma il malessere ha molte altre facce: tutte insieme intristiscono e deturpano il volto di quella Napoli splendente di bellezza e di tante virtù civiche che non possono diventare solo un richiamo del passato”. “Napoli, ma non solo Napoli, è sull’orlo di un grave collasso - è l’allarme lanciato dall’arcivescovo -. Si dice che il napoletano si piega ma non si spezza. Ma noi non vogliamo una città piegata”. “Noi vogliamo una città e una comunità forte della sua dignità e ritta sulla spina dorsale delle sue intelligenze e della genialità della sua gente, della sua storia, della sua ricchezza umana e delle sue tante eccellenze”, ha chiarito il card. Sepe, per il quale “non è più tempo di elemosine e di assistenzialismo. Non è questo che chiede Napoli. Questa città vuole lottare per far emergere le tante potenzialità e risorse, camminando sulle proprie gambe, ma ha bisogno di uomini e donne di buona volontà che vogliano e sappiano amarla veramente e accompagnarla in questo cammino che non è impossibile, anzi è doveroso e legittimo”. Con “questi uomini, che pure ci sono e non sono pochi, e con questa città, la Chiesa di Napoli intende proseguire il suo cammino e lottare” per il “bene comune”. “Vogliamo essere Chiesa, sull’esempio e con la protezione di San Gennaro, camminando sulla scia del magistero di Papa Francesco, che non si stanca di esortare a prendere la strada delle 'periferie esistenziali’ - ha aggiunto il porporato -. Non di altro è chiamata a vivere la nostra Chiesa se non dell‘ansia di annunciare il Cristo della speranza. Nostro compito, grave e immenso allo stesso tempo, è quello di spianare la strada, di liberarla il più possibile da intralci e impedimenti, ben sapendo che neppure la Chiesa può compiere un cammino in solitudine”. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá