HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-09-19 15:01:02
A+ A- Stampa articolo



La sofferenza dei civili in Centrafrica per i raid delle milizie Seleka



In Repubblica Centrafricana, dopo l’ascesa al potere del presidente Djotodja, la situazione non è affatto pacificata e i miliziani golpisti del gruppo Selèka, ormai sciolto, commettono razzie di ogni genere ai danni della popolazione civile. Fa eco a questa situazione l’allarme lanciato dal presidente chadiano, Deby, secondo il quale tutta la regione centrafricana sta diventando l’epicentro del terrorismo jiadista. In mancanza di un potere centrale forte, la gente cerca di reagire, mentre la situazione umanitaria è sempre più grave. Giancarlo La Vella ha intervistato Enrico Casale, africanista della rivista dei Gesuiti, “Popoli”: RealAudioMP3

R. – La coalizione Seleka, che ha portato al potere il presidente Djotodia, è formata anche da miliziani provenienti da Paesi confinanti con la Repubblica Centrafricana. Questi, una volta invasa la Repubblica Centrafricana e abbattuto il regime di Bozizé, si sono spartiti il Paese con l’intento di saccheggiarlo. Tutto ciò ha portato a una crescente insoddisfazione e paura da parte della popolazione civile che, dopo mesi di vessazioni, ha iniziato a reagire creando delle milizie di autodifesa sul territorio.

D. – La creazione di queste milizie è una cosa illegale, che si aggiunge ad una situazione che già è di illegalità?

R. – Se la vediamo con occhi occidentali, forse sì. Dobbiamo pensare però ad un Paese che è stato distrutto, nel quale non esistono più forze di polizia e forze armate organizzate. Di conseguenza, la popolazione civile è in totale balia di questi miliziani e quindi certamente le milizie di autodifesa, pur non rientrando in un assetto istituzionale classico, in questo momento sono l’unico mezzo che la gente ha per reagire alle violenze.

D. – Ci vorrebbe, secondo te, un ampliamento dell’intervento internazionale a cominciare da quello dell’Unione Africana?

R. – In realtà, sul territorio esiste già una missione dell’Unione Africana che conta 3.600 effettivi; però sino ad ora non ha ancora operato sul territorio in maniera efficace. Teniamo presente poi che, sempre nella Repubblica Centrafricana, esiste una guarnigione con 600 militari francesi: anche questi, per il momento, non sono intervenuti negli affari interni del Paese. Però, la Francia - che, lo ricordiamo, è ex-potenza coloniale - e l’Unione Africana potrebbero intervenire per stabilizzare la situazione politica dello Stato.

D. – A margine di tutto questo, una situazione umanitaria sempre più difficile …

R. – Certamente. La situazione umanitaria è terribile. La gente spesso e volentieri torna nei villaggi di giorno per portare avanti le proprie occupazioni, ma di notte si reca nelle foreste per sfuggire alle violenze e alle vessazioni dei miliziani.

D. – Dietro a questa situazione ci sono interessi particolari?

R. – La Repubblica Centrafricana è un Paese abbastanza ricco: innanzitutto di risorse naturali. Penso soprattutto al legno pregiato, ma anche oro e uranio, che fanno gola a molti Paesi occidentali, ma anche ad alcuni Paesi africani. Quindi è uno Stato il cui controllo può garantire grandi entrate, grazie a queste risorse naturali, che sono preziosissime.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá