HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-09-19 15:42:02
A+ A- Stampa articolo



L'Egitto nega "arresti politici recenti". Ridotto di altre due ore il coprifuoco



Sarà ridotto di altre due ore, a partire da questo sabato, il coprifuoco imposto dalle autorità in Egitto. Anche oggi scontri: ucciso un poliziotto a Kerdasa di Giza, a Sud della capitale, mentre è stato arrestato un altro esponente di spicco dei Fratelli Musulmani. Le autorità del Paese, intanto, rispondono agli Usa precisando che non sono stati effettuati di recente "arresti politici". Il servizio di Massimiliano Menichetti:RealAudioMP3

Non si fermano le violenze in Egitto. Anche oggi colpi di arma da fuoco sono stati scambiati tra le forze di sicurezza e gruppi armati nei dintorni del Cairo. Un agente della polizia è rimasto ucciso: obiettivo dell'operazione era quello di prendere il controllo dell'area di Kerdasa di Giza, a Sud della capitale, dove il mese scorso 13 agenti di polizia hanno perso la vita in scontri con uomini armati. Intanto nella capitale gli artificieri egiziani hanno disinnescato due ordigni esplosivi rudimentali ritrovati nelle gallerie della metropolitana. E non si fermano le proteste dei sostenitori del deposto presidente Mohammed Morsi, detenuto in un luogo segreto dal 3 luglio scorso. Arrestato anche Mohammed Ali Bishr, esponente di spicco dei Fratelli Musulmani ed ex ministro dello Sviluppo locale. Il suo arresto segue quello del portavoce della fratellanza Gehad el-Haddad. All’ex presidente Morsi è stato concesso di telefonare a suoi familiari: ribadite le buone condizioni di salute. Il leader continua a non riconoscere la legittimità dei magistrati che lo stanno giudicando e lo accusano di aver fomentato le uccisioni durante le proteste che gli si contrapponevano. In questo scenario il Ministero degli esteri egiziano ha negato che nel Paese siano stati effettuati, di recente, "arresti politici", dopo le accuse arrivate dal Dipartimento di Stato americano. Intanto sarà ridotto di altre due ore, a partire da questo sabato, il coprifuoco dopo lo sgombero ad agosto dei sit-in dei sostenitori di Morsi. La misura sarà in vigore dalla mezzanotte e non più dalle 23, fino alle 5 del mattino invece che alle 6. Continuano a fare eccezione i venerdì, generalmente occasione di proteste di piazza, dove il coprifuoco in questo caso entra in vigore dalle 19.

Sulla situazione in Egitto, Massimiliano Menichetti ha raccolto il commento di Gabriele Iacovino, responsabile analisti del Centro studi internazionali:RealAudioMP3

R. - La stabilizzazione del Paese è ancora lontana. Le autorità del Cairo stanno portando avanti una sorta di repulisti, in questo momento, della Fratellanza musulmana, che è ancora vista come il maggior nemico della stabilizzazione. Questo divide la popolazione in due schieramenti e, in questo momento, le grandi città dove la Fratellanza ha meno proseliti sono abbastanza tranquille e anche se vanno avanti le manifestazioni, hanno perso l’intensità rispetto ai mesi passati. Invece nelle zone più rurali, lontane dalla città o anche - per esempio - nell’Alto Nilo, le manifestazioni proseguono, perché è lì che la Fratellanza ha il proprio bacino di sostegno non solo politico, ma soprattutto sociale.

D. - E’ stato concesso all’ex presidente Morsi di telefonare ai suoi familiari…

R. - Il regime ha dato sicuramente un segno di apertura rispetto alla Fratellanza, ma da entrambe le parti ancora non vi sono segnali della possibilità di un dialogo. Lo stesso Morsi ancora non ha fatto aperture nei confronti delle autorità militari e nei confronti della possibilità di un negoziato con le autorità militari. Questo fa sì che la situazione sia ancora molto tesa e che, appunto, i due schieramenti ancora si contrastino e fa sì anche che il Paese sia ancora bloccato in questo limbo del post-Mubarak: le elezioni dello scorso anno sembravano un passo importante verso la stabilizzazione, ma sono risultate un’ulteriore difficoltà nel processo di novità istituzionale. Tutto questo accade in uno scenario economico sempre più drammatico per il Paese, dove le forze dello Stato sono ormai allo stremo.

D. - In questo scenario sono stati di fatto approvati degli stanziamenti, 28 milioni di Euro, da parte dell’Unione Europea nei confronti dell’Egitto. Una boccata d’ossigeno?

R. - Assolutamente sì! In un momento in cui i maggiori sostenitori delle istituzioni, i maggiori sostenitori economici delle istituzioni egiziane provenivano dal Golfo. La strategia delle monarchie del Golfo era soprattutto portata ad un sostegno - se vogliamo - alla Fratellanza musulmana. Quindi questa politica di apertura economica dell’Unione Europea dà ulteriore respiro alle casse egiziane, ma è anche un segnale politico per far sì che l’Egitto riprenda la propria strada da protagonista, nell’area mediorientale e non sia un processo, del post-Mubarak, soffocato politicamente all’interno delle dinamiche regionali con le monarchie del Golfo che prendono il sopravvento rispetto all’Egitto.

D. - Ma c’è il rischio - secondo lei - di una possibile deflagrazione della situazione egiziana oppure si ha l’idea di un cammino verso una stabilizzazione, anche se lontana?

R. - Indubbiamente in Egitto l’istituzione delle Forze Armate è un’istituzione che tiene il Paese in piedi non solo politicamente, ma anche economicamente: fin quando l’esercito riesce a mantenere insieme il Paese, non vi è ancora il rischio di deflagrazione. Purtroppo però, più si va avanti e più non si cerca e non si trova un dialogo tra le Forze Armate e la Fratellanza musulmana, più il rischio di uno scontro aperto, di uno scontro violento tra queste due anime del Paese è più forte.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá