HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-09-19 15:55:17
A+ A- Stampa articolo



Mali: prospettive di pace per il Nord, ma nel Paese continuano gli scontri



A Bamako, in Mali, si è svolta questo giovedì la cerimonia di insediamento del nuovo presidente Boubacar Keità, mentre si sono concluse, con dichiarazioni molto positive, le trattative del governo con i ribelli e le tribù tuareg della regione dell’Azawad. Prosegue intanto, nel Nord del Paese, l’azione congiunta di Onu e Francia per combattere i ribelli ancora attivi: un drone francese ha ucciso sei miliziani nel Nord-Est. Sui risultati dei colloqui e le prospettive per il Paese, Davide Pagnanelli ha intervistato Luigi Serra, esperto di questioni della zona del Magreb:RealAudioMP3

R. - Porterà come risultato sicuro, certo e praticabile una sorta di rallentamento delle tensioni. Ma, ho il grande sospetto che questa fase interlocutoria porterà più ad una riorganizzazione da parte dei ribelli, della loro azione, della loro politica di destabilizzazione del governo, piuttosto che a risultati definitivi. Quindi credo che il nuovo contesto degli accordi sia da guardare come un momento di grande attenzione per prepararsi a governare i sussulti, i rigurgiti che sicuramente i ribelli avranno.

D. - A che novità dobbiamo abituarci con il nuovo presidente Keita?

R. - Ad una maggiore disponibilità di apertura a colloqui con “gli occidentali”.

D. - In questo momento in Mali c’è una missione congiunta composta dall’Onu e dai francesi...

R. - Esattamente. Anche all’interno di questo binomio - che pare coeso - l’Europa dovrebbe essere guardinga per un verso e per l’altro disponibile a dare risposte che guardino ad essere più meritoriamente presenti con il sostegno alle popolazioni locali. Comunque va fatta una distinzione tra l’Onu, che probabilmente può avere una visualizzazione del problema in termini più generalmente multinazionali, e la presenza della Francia, che tiene a tutelare i suoi interessi storici.

D. - Che prospettive di collaborazione ci sono tra Francia e Mali?

R. - Ci sono buone prospettive in teoria. Dal punto di vista pratico, dei risultati, si attende trasparenza della volontà di intervento francese. È tempo di uscire dagli equivoci! Il Mali potrebbe diventare una "palestra" dove le forze terroristiche potrebbero trovare lo spazio sia per punire il governo maliano che per scompaginare le forze internazionali e gli spiragli di una pacificazione in quelle aree, una pace a tutto vantaggio delle relazioni internazionali e del rispetto della dignità umana.

D. - Quali interessi hanno i terroristi nel disorganizzare proprio la regione del Mali?

R. - La regione del Mali è nevralgica, perché centrale, sulla quale innanzitutto si scaricano le attenzioni delle realtà statuali africane: dal Marocco, all’Algeria, alla Libia, che sono Paesi maggiormente organizzati, più forti economicamente e da tutti i punti di vista. È un Punto di convergenza con gli altri Paesi del Sahel che si ritrovano in una situazione di forza, senza eccessiva differenza rispetto al Mali: se in Mali il terrorismo riuscirà a passare si troverà davanti una diga che non lo conterrà, come una slavina violentissima che si abbatterà sulle altre aree africane.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá