HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-09-20 16:49:52
A+ A- Stampa articolo



Il commento di don Ezechiele Pasotti al Vangelo della Domenica



Nella 25.ma Domenica del Tempo ordinario, la liturgia ci propone il Vangelo in cui Gesù racconta la parabola dell’amministratore che, agendo con scaltrezza, si procura amici con la “disonesta ricchezza” e per questo viene lodato dal padrone. Il Signore conclude:

“I figli di questo mondo verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce”.

Su questo brano evangelico ascoltiamo una breve riflessione di don Ezechiele Pasotti, prefetto agli studi nel Collegio Diocesano missionario “Redemptoris Mater” di Roma:RealAudioMP3

Il Vangelo di oggi, pur nella sua complessità, viene a noi con un messaggio decisivo: i figli di questo mondo sanno muoversi con la ricchezza in modo molto più scaltro dei figli della luce. La parabola dell’amministratore disonesto, che sa rinunciare alla sua parte di interessi per garantirsi il futuro, è lodato per aver agito scaltramente. I figli di questo mondo prestano culto a quel niente che è la ricchezza, la servono, e in questa idolatria sanno muoversi con audacia, con una capacità di rischio altissima. È tale il valore che ha per essi il denaro che sono pronti a tutto, anche a rischiare la vita. E qui viene il contrasto con i figli della luce che invece non sanno agire con discernimento, né nei confronti della ricchezza – usandola per fare elemosina ed essere accolti nelle dimore eterne –, e ancor meno nei confronti della vera ricchezza che il Battesimo ha dato loro: la dignità di figli di Dio, il dono dello Spirito Santo. Questa parola è per noi oggi: nei confronti del denaro, poco o molto che sia, dov’è il nostro cuore? L’attaccamento al denaro è idolatria, cioè separazione da Dio. Per questo la parola finale di Gesù è tagliente e non ammette riduzioni: “Non potete servire Dio e la ricchezza” (il dio “mammona”). Forse non crediamo davvero al dono che abbiamo. Forse siamo sempre pronti a fare compromessi, con i piedi in due staffe, a seconda di quello che ci fa comodo: come il popolo di Israele nella sfida che Elia ha con i profeti di Baal sul Monte Carmelo andiamo barcollando tra Dio e Baal (cf 1 Re 18,21). Dio non è contro i beni, che Lui stesso ha creato, ma non vuole che ne siamo schiavi. È una parola di liberazione, non di oppressione.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá