HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-09-22 08:26:41
A+ A- Stampa articolo



Attentato attentati suicida a Baghdad. Mons. Sleiman: la gente è stanca e rassegnata



Sono almeno 96 i morti in Iraq dopo una serie di attentati, il più grave dei quali ha provocato 65 morti e 120 feriti durante un funerale nel quartiere sciita di Sadr City a Baghdad: lo hanno riferito fonti ospedaliere, e la cifra è stata poi confermata anche dalla polizia irachena. Della terribile situazione nel Paese del Golfo, Salvatore Sabatino ha parlato con mons. Jean-Benjamin Sleiman, arcivescovo di Baghdad dei Latini:RealAudioMP3

R. - L’Iraq non è mai uscito da una situazione che è sempre tragica! Forse l’informazione non se ne interessa sempre per ragioni varie, ma io paragono l’Iraq a un “malato grave”: è stato ricoverato in terapia intensiva, poi lo hanno fatto uscire, ma è sempre ricoverato! Quindi, i grandi problemi dell’Iraq non sono mai stati non solo irrisolti, ma neanche confrontati.

D. - L’acuirsi delle violenze, in questo periodo, è ovviamente strettamente legato a quanto sta accadendo in Siria?

R. - Certo! Non si può separare l’Iraq da quanto succede in Siria, i fattori esterni sono molto influenti.

D. - Abbiamo assistito negli ultimi giorni ad un’ondata di violenza senza precedenti, come vive la gente la quotidianità: con paura o prevale comunque un sentimento di speranza per un futuro migliore?

R. - Io credo in Dio e spero in Dio, ma questa speranza non la vedo sulla faccia degli uomini, almeno in questi tempi. Certamente, la gente ha paura e molti sono anche rassegnati non potendo fare altrimenti. Quindi, c’è molta rassegnazione, ma la rassegnazione non vuol dire certo avere speranza.

D. – Recentemente, Papa Francesco ha pregato anche per l’Iraq, per la pacificazione di questo Paese. Come avete accolto le sue attenzioni e il suo messaggio?

R. - Certamente ha pregato soprattutto per la Siria, ma anche per tutte quelle situazioni in cui la pace è in pericolo nel mondo. Se c’è un desiderio è proprio quello della pace! Quindi quello che ha fatto il Papa è espressione di tutto quello che sentiamo, viviamo, vogliamo. E’ stato molto interessante come comunione.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá