Logo Radio Vaticana Radio Vaticanawww.radiovaticana.va
One-O-Five live

RSS PODCASTRSS TEXT
Come AscoltareCome Ascoltare
Chi Siamo


Home > notizia del 2013-09-25 15:47:46
A+ A- Drucken Share on Facebook Tweet this Follow us on Twitter



Il "Cortile dei Giornalisti" rilancia il dialogo con i non credenti




RealAudioMP3 Si è svolto oggi a Roma il Cortile dei Gentili dedicato ai giornalisti. Al centro dell’incontro il dialogo tra il presidente del Pontificio Consiglio della cultura, il cardinale Gianfranco Ravasi, e il fondatore del quotidiano La Repubblica, Eugenio Scalfari. Il Cortile dei Gentili – lo ricordiamo – è la struttura ispirata da Benedetto XVI e gestita dal dicastero della cultura per promuovere il dialogo tra credenti e non credenti.
“Non siamo qui per convertirci a vicenda, ma abbiamo in comune la convinzione che le nostre posizioni diverse debbano essere lievito per una terra che ha bisogno di essere fertilizzata”. Così, Eugenio Scalfari, chiude la sua conversazione con il cardinale Ravasi, con il quale confessa di avere da tempo un territorio spirituale e mentale comune. Il fondatore di Repubblica l’aveva aperta ribadendo di essere ‘innamorato’ di Gesù, proprio da quando, in gioventù, scelse di abbandonare la fede. Ricorda di aver praticato, forzatamente, gli Esercizi Spirituali nella Casa del Sacro Cuore a Roma, dove trovò rifugio come renitente alla leva fascista. “Debbo molto a quei gesuiti che mi insegnarono a ragionare” – confessa - “ma sono innamorato dei francescani”. L’intellettuale non credente spiega così il suo interesse per il dialogo con i cattolici e individua nella morte di Cristo in croce il culmine dell’incarnazione e del messaggio cristiano. E’ proprio in quella scelta di anteporre l’amore per gli altri all’egoismo Scalfari trova un messaggio importante per una società dove “il tasso di narcisismo è diventato patologico”. Ravasi loda Scalfari per l’intuizione e ribatte descrivendo il grido di Cristo sulla croce – “Dio mio perché mi hai abbandonato?” – come “l’ateismo salvifico di Cristo” – a cui – specifica però, la teologia giustappone la Resurrezione in quanto Cristo resta il Figlio anche se non sente il Padre e così “depone nella mortalità il seme dell’infinito”.
Il presidente del Pontificio Consiglio della Cultura riprende anche il tema del ruolo della Chiesa nella rivoluzione della comunicazione dell’era digitale. Ricorda che Gesù nei Vangeli ci offre un metodo quando utilizza il linguaggio breve dei ‘tweet’ in modo sistematico, la sceneggiatura televisiva attraverso le ‘parabole’ e basa sulla corporeità il suo annuncio. “Se un pastore oggi non si interessa di comunicazione – aggiunge – è al di fuori del suo ministero”. Ma nell’ambiente della nuova comunicazione digitale – spiega Ravasi - il linguaggio della Chiesa deve avere una “nuova grammatica”, più diretta, abbandonando le “subordinate”. E a fare da apripista – di questa rinnovata, efficace presenza della Chiesa nell’agorà - sembrano proprio le lettere di Papa Francesco e del Papa emerito al quotidiano La Repubblica e l’intervista di Francesco alla Civiltà Cattolica. Gli fa eco in chiusura Scalfari che, d’accordo sulla nascita di un nuovo linguaggio, affida proprio alla religione il compito di trasmettere alla nuova civiltà, in corso di formazione, il retaggio dei valori incancellabili del passato.

Nei due dibattiti successivi, i direttori dei principali quotidiani nazionali, dai laici De Bortoli, Corriere della Sera, e Calabresi, La Stampa, ai colleghi cattolici Tarquinio, Avvenire, e Vian, Osservatore Romano, si confrontano su tematiche di etica della comunicazione come verità, obbiettività e responsabilità. Ma si parla anche del rinnovato interesse dei mass-media per la Chiesa, grazie al Pontificato di Papa Francesco. Misericordia e umiltà – viene sottolineato - sono le cifre di un linguaggio che conquista credenti e non credenti. Respingere il sensazionalismo, ridare centralità alla persona, favorire il dialogo e non lo scontro, onestà nei confronti dei lettori e della redazione, sembrano invece le regole d’oro per i direttori della carta stampata. “Il nostro compito come ‘cercatori di verità’ - ricorda Mauro, direttore de La Repubblica – è stare nel cortile, nelle piazze, tenendoci distanti dal potere”. Senza tralasciare un tema caro a Benedetto XVI, ricordato dal direttore del Sole 24ore, Napoletano, la “ragione allarga il suo orizzonte con la fede”. (A cura di Fabio Colagrande)