HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-10-02 14:14:18
A+ A- Stampa articolo



Memoria degli Angeli Custodi. Don Lavatori: ci sono sempre accanto per invitarci al bene



Intermediari, protettori e messaggeri. Sono questi alcuni dei tratti peculiari che contraddistinguono gli Angeli Custodi, di cui ieri la Chiesa ha celebrato la memoria. Al termine dell’udienza generale, Papa Francesco ha auspicato ieri mattina che “la loro presenza rafforzi in ciascuno” la certezza che Dio accompagna l’uomo “nel cammino della vita”. Sulla natura degli Angeli Custodi, Amedeo Lomonaco ha intervistato don Renzo Lavatori, studioso di demonologia e angelologia:RealAudioMP3

R. – Gli Angeli Custodi sono essere spirituali, messaggeri di Dio, di cui parla sia l’Antico Testamento che il Nuovo Testamento, tutta la tradizione della Chiesa, che assistono ogni creatura umana, in particolare dopo il Battesimo, dall’inizio dell’esistenza fino alla fine, anche nell’ultimo momento, quando si muore e si va verso il Regno dei Cieli. Sono i nostri protettori, consolatori, quelli che ci illuminano e che ci guidano, ci difendono da ogni male, ci accompagnano con grande dedizione, amore, e con grande generosità. Sono veramente i nostri amici, i migliori, gli Angeli Custodi.

D. – Cosa può e deve fare l’uomo per rendere sempre più feconda questa amicizia?

R. – Loro non possono forzare la libertà umana. Il libero arbitrio, una facoltà che Dio ci ha donato, è a nostra disposizione soltanto. Neanche Dio può obbligarci a fare certe cose. Per cui, l’Angelo ha una presenza molto delicata, dolce, soave, ma costante. Tuttavia, richiede la nostra disponibilità ai valori che loro ci propongono e che sono quelli del bene, della verità, dell’onestà, della bontà, dell’amore. Come sappiamo, sono i valori evangelici che sono la nostra vera felicità anche su questa terra. Però, lo fanno con questo spirito di delicatezza, senza forzare. Occorre perciò, primo, una sensibilità interiore e, secondo, la preghiera. Noi abbiamo quella piccola formula, ma molto bella, tradizionale, “Angelo di Dio che sei mio custode”, che in effetti andrebbe detta senza timore, anche quando ci troviamo nelle difficoltà, sia fisiche sia psichiche, sia spirituali. Quando ci troviamo davanti a difficoltà anche economiche, a tutti i livelli, anche nelle piccole cose di ogni giorno, possiamo invocare questa presenza e questa preghiera apre un certo "feeling" con loro che ci consente poi di essere maggiormente protetti e aiutati dal nostro Angelo Custode. E poi, terzo, anche un po’ di raccoglimento, il silenzio perché lo spirito parla nel silenzio. Se la creatura umana vive sempre nel chiasso, nella grande confusione, senza avere mai dei momenti di concentrazione, anche di silenzio e di raccoglimento, fa fatica a percepire la loro presenza e perciò resta fuori da questo flusso di amore, di grazia che loro ci passano e ci comunicano. Perché loro non fanno niente di loro iniziativa. Trasmettono a noi ciò che Dio loro ordina e ciò che fa bene a noi, ma la fonte primaria della nostra salvezza è sempre in Dio, in Cristo, nella potenza dello Spirito. Loro sono intermediari, strumenti secondari, ma importanti affinché questa grazia di Dio arrivi a noi e porti frutto.

D. – Sono intermediari e sono anche dei messaggeri come dice il nome. Come saper riconoscere i messaggi degli Angeli Custodi?

R. – Qui occorre veramente un piccolo discernimento, che i direttori spirituali nella tradizione della Chiesa hanno sempre suggerito. Il discernimento è questo: se il suggerimento che uno sente di fare una cosa piuttosto che un’altra, conduce a una certa serenità e quiete interiore è chiaro che viene dallo spirito buono. Se invece questo suggerimento porta ansia, preoccupazione, agitazione, allora non viene dallo spirito buono, ma dallo spirito cattivo, perché l’Angelo Custode è sempre accanto a noi – non c’è un "angelo cattivo" accanto a noi – però il diavolo, anche lui, prova a tentarci, a sedurci, a portarci fuori dalla strada che invece gli Angeli ci indicano.

D. – Tutta la vita della Chiesa beneficia di questo aiuto misterioso, potente degli Angeli…

R. – Con l’Angelo Custode intendiamo soprattutto l’angelo personale di ciascuno, che è irripetibile. Il mio Angelo Custode è commisurato alla mia personalità, alla mia sensibilità, alla mia struttura personale. Questo è l’Angelo Custode. Nella tradizione della Chiesa, c’è anche l’Angelo che protegge le nazioni, come l’Angelo del Portogallo quando è apparsa Maria a Fatima. Poi, ci sono gli Angeli che custodiscono anche le comunità cristiane, come le parrocchie, le diocesi: nell’Apocalisse, appunto, si parla dei sette Angeli che stanno a guardia delle sette chiese. Quindi, anche le comunità cristiane, cioè le chiese, hanno il loro angelo. E così anche tutta la Chiesa universale, la Chiesa cattolica, ha il suo angelo protettore. In questo senso, quindi, la custodia degli Angeli si apre dall’individuo alle comunità e anche, in particolare, alle chiese diocesane locali, come dice il Vaticano II, che poi sono unite sotto l’unico pastore che è il vescovo di Roma. Tutto questo complesso, che è l’organismo vitale di Cristo, il suo Corpo mistico, naturalmente è accompagnato dagli Angeli Custodi.

Ultimo aggiornamento: 3 ottobre




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá