HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-10-06 10:37:03
A+ A- Stampa articolo



Lutto nel mondo del Cinema per la scomparsa a Roma del regista Carlo Lizzani



Dolore e sconcerto nel mondo del Cinema per la morte del regista italiano Carlo Lizzani, che si è tolto la vita sabato a Roma all’età di 91 anni. Cineasta impegnato, scrittore e critico, appassionato di storia e politica. “Il mio lungo viaggio nel secolo breve”, cosi aveva intitolato la sua autobiografia uscita per Einaudi nel 2007. Un viaggio che lo aveva portato a firmare 70 film e documentari per il Cinema e la Tv. Tra le pellicole più celebri: “Achtung Banditi!”, “Cronache di poveri amanti”, “Il gobbo”, “Banditi a Milano”, “Mussolini ultimo atto”, “Fontamara”, “Caro Gorbaciov”. E ancora per il piccolo schermo “Mamma Ebe”, “Il caso Dozier”, “Le cinque giornate di Milano”, “Maria José”, “Celluloide”. Dal ’79 all’82 aveva diretto la Mostra del Cinema di Venezia. E, nel ’98 aveva pubblicato “Attraverso il neorealismo”, raccolta di scritti ricca di aneddoti sulla stagione del neorealismo. Insignito l’anno seguente della Laurea honoris causa in Scienze della Comunicazione dall’Università di Torino. Cavaliere di gran Croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana. Piange la scomparsa di Lizzani il presidente Giorgio Napolitano “per l’amicizia che ci legava da decenni - scrive in un messaggio di cordoglio alla famiglia – e per tutto quel che ha saputo dare al cinema, alla cultura, allo sviluppo democratico del nostro Paese: coraggio e passione della battaglia per la Liberazione dell'Italia dal nazifascismo, nella ferma valorizzazione e difesa dei valori della Resistenza, nella creazione artistica sempre radicata nella realtà e nei travagli della nostra Italia'', conclude Napolitano. (A cura di Roberta Gisotti)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá