HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-10-09 11:41:26
A+ A- Stampa articolo



Il card. Sandri: Papa vicino ai superstiti di Lampedusa; suo elemosiniere nell'isola, mai accaduto prima



Prima di partecipare all’udienza generale, i vescovi della Chiesa di tradizione alessandrina di Etiopia ed Eritrea hanno concelebrato con il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, una Messa di suffragio per le vittime del tragico naufragio avvenuto al largo dell’isola di Lampedusa. Il rito si è svolto all’altare del Sepolcro di San Pietro, nelle Grotte della Basilica Vaticana. Sergio Centofanti ha intervistato il cardinale Sandri:RealAudioMP3

R. - Nell’omelia ci siamo riallacciati alle parole della lettura di Giona: ad un certo punto si legge: “… sarebbe meglio morire che vivere!”. Ho ripreso questa frase che abbiamo ascoltato anche da un giovane eritreo sopravvissuto a questa catastrofe di Lampedusa. Ci siamo così messi in sintonia con tanti giovani, con tante donne, con tante persone adulte che fuggono dall’Eritrea e dall’Etiopia che, a volte, a causa della situazione che vivono nel loro Paese, si trovano ad esclamare - come si legge nel Libro di Giona – “Sarebbe meglio morire che vivere!”. E invece, dalla Parola di Dio abbiamo richiamato tutto al Padre Nostro del Vangelo, per mettere tutta la nostra fiducia nel Signore che dovrà aiutarci a superare queste situazioni così difficili. Abbiamo pregato per i defunti, per le loro famiglie; abbiamo cercato di diffondere con la nostra preghiera una luce di vicinanza, di amicizia, di carità, di amore per tutti i sopravvissuti.

D. - Che cosa chiedono i vescovi di queste Chiese alla comunità internazionale?

R. - Alla comunità internazionale chiedono un aiuto per fare in modo che la gente non debba fuggire dal proprio Paese, che ci sia libertà, democrazia, la possibilità di vivere umanamente in questi Paesi e disporre delle cose che riteniamo minime per poter portare avanti una vita umana, e quindi, che l’Occidente e i Paesi della comunità internazionale possano aiutarli a restare in patria e a non fuggire attraverso questi pellegrinaggi della morte, sia nel deserto, sia nel mare.

D. - Il Papa sta seguendo da vicino la situazione ed ha inviato il suo elemosiniere a Lampedusa …

R. – È stato un gesto veramente importante. L’elemosiniere è legato più intimamente alla persona del Papa. Non era mai accaduto che il Papa lo mandasse fuori Roma, perché lui sta qui a Roma per aiutare i poveri che si avvicinano al Papa qui a Roma. Invece, mandarlo a Lampedusa significa che il Papa vuole essere vicino a queste persone sopravvissute e pregare per coloro che sono morti.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá