HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-10-12 13:24:52
A+ A- Stampa articolo



Bosnia-Erzegovina: il card. Puljic chiede di non manipolare i dati del censimento



“È fondamentale che i numeri non vengano manipolati, ma che emerga la vera immagine della popolazione che vi abita”. Con queste parole l’arcivescovo di Sarajevo, il card. Vinko Puljiæ, in un’intervista all'agenzia Sir, commenta il censimento in corso in Bosnia e Erzegovina, il primo del dopoguerra. L’ultimo, infatti, data al 1991. Il censimento rappresenta una delle condizioni richieste dall’Ue per avviare i negoziati di ammissione in Europa. Per il porporato “è rilevante che ogni cittadino della Bosnia ed Erzegovina si senta appartenente a questo Stato e a questo Paese” così come “è importante che dal censimento emerga la realtà di uno Stato. Nella Bosnia ed Erzegovina convivono diversi popoli in base all’appartenenza etnica (nazionale) e religiosa. Con l’identità nazionale si acquisisce anche la lingua con cui parliamo. Per questo motivo ho invitato i cittadini a pronunciarsi in piena libertà come cittadini della Bosnia ed Erzegovina, ma secondo la nazionalità (etnia) e la lingua con la quale parlano”. Chiaro il riferimento ai cattolici, una minoranza nel Paese, esortati dall’arcivescovo, sin dall’agosto scorso, a dichiararsi cattolici e appartenenti al popolo croato. “Poiché in Bosnia ed Erzegovina vivono tre popoli costitutivi (il bosgnacco, il serbo, il croato, ndr) e come tali costituiscono questo Paese e questo Stato, l’esito del censimento è molto importante, così come lo è il fatto che il risultato sia reale e non manipolato, perché esso influenzerà la costruzione del governo del Paese. È importante - conclude - che si eviti ogni tipo di manipolazione della maggioranza sulla minoranza”. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá