HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-10-12 14:25:23
A+ A- Stampa articolo



Nigeria: dolore e sconforto per l'omicidio di Afra, missionaria laica al servizio di giovani e studenti



La comunità cattolica nigeriana piange la morte della missionaria laica originaria del bresciano, Afra Martinelli. La donna di 78 anni, la metà dei quali spesi per gli ultimi in Africa, non ha retto alle ferite riportate due settimane fa nel corso di una rapina nella sua abitazione a Oguashi-Ukwu, nello stato nigeriano del Delta, dove aveva fondato il “Centro Regina mundi” per giovani e studenti in difficoltà. Al microfono di Marco Guerra, il fratello Enrico Martinelli ricorda lo spirito che animava l’instancabile servizio portato avanti da questa donna:RealAudioMP3

R. – Mi diceva, proprio l’ultima volta che l’ho vista, che lei sentiva questo desiderio fin dal periodo delle elementari: “Io voglio andare in Africa!”. Poi più tardi sentiva dentro di lei un comando: “Devi andare in Africa!”. Il suo inserimento è stato graduale, perché prima è andata in un Centro – era ancora agli inizi degli anni Ottanta – dove c’erano corsi per sacerdoti e per laici per prepararli alla nuova evangelizzazione. Poi, in un’altra diocesi, ha creato un suo Centro chiamato Regina Mundi. Lì si è dedicata soprattutto alla formazione e all’educazione dei giovani. Il Centro era una scuola di informatica, dove accoglieva i giovani fornendo loro connessioni Internet per i loro studi. Li formava e li preparava anche ad azioni di carità, tant’è che aveva creato un gruppo che aveva chiamato I servitori del Cristo sofferente. Le offerte che riceveva servivano per darsi delle strutture e per potare un po’ di aiuto ai più poveri, ai più abbandonati.

D. – C’era una profonda umiltà in sua sorella, sappiamo che ha rifiutato anche dei riconoscimenti…

R. – In una lettera diceva: “Devo imparare a dimenticarmi, per poter entrare nella mentalità, nel modo di vivere di questa gente. Solo allora riuscirò a dialogare”. Lei era vissuta nel nascondimento, senza apparire mai. Lei era serena, tranquilla… E mi diceva: “Io sono sempre serena, anche quando non riesco. Perché per alcune opere mi arriva subito l’aiuto economico, per altre no! Vuol dire che queste Dio le vuole e le altre non erano necessarie”.

D. - Quindi era una carità nel segno di Dio, una carità nella verità…

R. – La sua giornata era: sveglia alle 4.00; alle 5.00 ora di adorazione; alle 6.00 la Messa e poi il lavoro. Era veramente una donna di Dio. Non mi domandava mai libri di qualsiasi genere… Lei mi diceva: “A me basta il Vangelo!”.

D. – Un’intera comunità adesso la sta piangendo…

R. – Il console di Lagos è rimasto meravigliato di quanta solidarietà si sia mossa attorno a lei: quasi una passione, quasi un movimento di amore verso lei. La vogliono là, con loro. Abbiamo accettato che venga sepolta là. Lì c’è un cimitero, dove ci sono altri missionari sepolti. Il vescovo di Ibadan - che non è il vescovo della sua diocesi, ma il vescovo che l’aveva chiamata in Africa – in questi giorni sta in Italia a Milano e ha chiesto che non venga sepolta finché non arriverà là lui, perché vuole essere presente.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá