HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Carità e Solidarietà > notizia del 2013-10-16 13:28:57
A+ A- Stampa articolo



Centrafrica: per operatori umanitari "violenza senza precedenti"



Sta peggiorando di giorno in giorno la sorte di più di 30.000 persone costrette alla fuga dopo l’ultima ondata di violenza “senza precedenti” nella regione di Bossangoa (nord-est), teatro di attacchi ed esecuzioni sommarie da parte di gruppi armati e forze governative. A denunciarlo - riporta l'agenzia Misna - è l’organizzazione non governativa Medici senza frontiere (Msf), chiedendo alle parti rivali di “rispettare la sicurezza dei civili e degli operatori umanitari” e auspicando “l’invio di aiuti urgenti”. Il primo motivo di preoccupazione riguarda l’aumento esponenziale dei casi di malaria, prima causa di mortalità nel Paese. “La gente si rifugia nella foresta e vive in condizioni di grande promiscuità. Cucinano, mangiano, dormono e si lavano tutti nello stesso posto. Le condizioni igienico-sanitarie disastrose aumentano il rischio di un’epidemia” ha detto Ekkeb Van der Velden, capo missione di Msf in Centrafrica, sottolineando che “sul terreno non è ancora presente un numero sufficiente di operatori per rispondere a tutte le necessità”. L’altra emergenza riguarda il cibo. Molti depositi di cereali, pubblici e privati, sono stati saccheggiati dall’ex coalizione ribelle Seleka, con il risultato che le riserve alimentari sono quasi inesistenti. Per timore di essere attaccati, molti contadini non hanno nemmeno seminato e quindi il prossimo raccolto si attesterà su livelli molto bassi. Secondo l’Ufficio di coordinamento degli Affari umanitari (Ocha), nel nord-est del Paese almeno 45.000 persone sono a rischio carestia. Lo scenario è ulteriormente complicato dall’insicurezza diffusa, che rallenta o impedisce la consegna degli aiuti umanitari, ma anche dal fatto che molte località sono situate in zone remote del Paese dotate di poche infrastrutture. Alcuni osservatori locali e esterni hanno, inoltre, anche lanciato l’allarme di fronte al rischio che la crisi possa degenerare in conflitto interreligioso tra cristiani – la maggioranza dei cinque milioni di abitanti – e musulmani. A quasi sette mesi dal colpo di stato della ribellione Seleka, che ha portato al potere Michel Djotodia, il Paese è in preda al caos alimentato dall’ex coalizione ufficialmente sciolta e da innumerevoli uomini armati, per lo più stranieri, con rischi di destabilizzazione nell’intera regione dell’Africa centrale. La scorsa settimana il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha approvato una risoluzione di pieno sostegno alla missione panafricana che si sta dispiegando nel Paese (Misca). Non è esclusa la possibilità dell’invio di Caschi blu e la Francia ha annunciato un prossimo potenziamento del suo contingente a Bangui. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá