HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-10-19 17:02:09
A+ A- Stampa articolo



Dopo la Cina, anche il Giappone guarda con interesse all'Africa



L’Africa sta assumendo sempre più importanza a livello geopolitico e i suoi tassi di crescita economica attirano investitori e governi di ogni parte del mondo. Tra questi c’è il Giappone, con un programma quinquennale di cooperazione del valore di 32 miliardi di dollari. Sull’interesse giapponese per l’Africa ascoltiamo, nell’intervista di Davide Maggiore, Riccardo Barlaam, giornalista del “Sole 24 ore”:RealAudioMP3

R. - Dopo la Cina anche il Giappone e la Corea del Sud hanno preso di mira l'Africa e le sue materie prime, visto che quest’ultimo è un potenziale mercato di sbocco. I giapponesi, come i cinesi, sono molto pragmatici: organizzano un incontro con questi leader africani dove, come "sistema-Paese", mettono insieme quello che possono offrire. Quindi da un lato, gli aiuti allo sviluppo e una serie di programmi di infrastrutture, e dall’altro per il Giappone rientrano commesse, lavoro per le proprie aziende …

D. - Quali sono le poste economiche ed anche geopolitiche in gioco per Tokyo?

R. - Il Giappone somiglia molto all’Italia, non ha materie prime, energia … Nel post terremoto di Fukushima, con l’uscita del nucleare, ha sempre più sete di energia e oltre a questo, contro la concorrenza cinese - che ha anche prodotti di alta tecnologia che è sempre stato il pane dell’industria giapponese - il Giappone cerca di allargare lo sguardo verso nuovi mercati che non siano quelli occidentali, ma quelli africani che hanno tutto da sviluppare e possono offrire molto.

D. - Sempre per quanto riguarda il rapporto con la Cina, si differenzia in qualche modo l’approccio di Tokyo da quello di Pechino?

R. - Il problema con i cinesi è stato più che altro legato alla manodopera locale, che in Cina non manca. Infatti, quando loro decidevano di fare un acquedotto, una strada, si spostavano con tutta la manodopera e si creava una serie di problemi con le maestranze locali. In realtà, lo scambio culturale e lo sviluppo umano, in qualche modo, è presente. L’ultimo programma quinquennale cinese prevedeva degli scambi culturali molto importanti tra Africa e Cina. Ci sono università cinesi dove sono presenti delle colonie vere e proprie di studenti africani che si trovano lì per studiare. In ogni caso l’atteggiamento giapponese è molto diverso. Il loro slogan è “mani nelle mani con un’Africa più dinamica”, come a dire andiamo avanti insieme in questo continente che ha la crescita più rapida rispetto al mondo occidentale alle prese con la crisi più grave dal Dopoguerra e anche altre aree in via di sviluppo.

D. - Quindi è un modello che può beneficare entrambi gli attori coinvolti, sia il Giappone che i vari Paesi del continente africano?

R. - Direi che è un modello complementare. I cinesi restano sempre il primo partner in tutta l’Africa. Il continente intero fa affari con un solo Paese. Un professore universitario di Tokyo ha detto che nelle relazioni con l’Africa, se i cinesi sono i pesi massimi, i giapponesi sono pesi medi. Quindi uno dei maggiori attori. Ricordo, ad esempio, che in una zona anglofona del Camerun c’era un programma legato ad uno di questi programmi quinquennali in cui i giapponesi avrebbero dovuto fare una struttura tecnologica legata alle telecomunicazioni in una zona della foresta equatoriale. Lo hanno fatto. Di fatto i loro piani, i loro programmi diventano cose concrete. E in tanti contesti, come le aree rurali dove si parte da zero, possono dare un buon contributo allo sviluppo.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá